Slow Food: quattro bresciane tra le migliori osterie d'Italia

Sono quattro le proposte bresciane che si meritano l'eccellenza nella guida Slow Food alle Osterie d'Italia: new entry di Palazzolo, poi le conferme di Adro, Artogne e Brione. Il Piemonte in testa alla graduatoria nazionale

Uno dei piatti proposti alla Villetta di Palazzolo

Nel 2015 ha festeggiato 25 anni, quest'anno recensisce 1707 insegne, presentandosi all'appuntamento con l'edizione 2016 con oltre 140 novità. Questi i numeri del 'sussidiario del mangiarbere all'italiana', la guida alle Osterie d'Italia targata Slow Food in cui si racconta delle tradizioni e delle esperienze del Belpaese, fino ad arrivare al top della gamma, le osterie che si meritano la 'Chiocciola' – 250 in tutto – una sorta di medaglia al valore della cultura alimentare.

Anche i prezzi per scelta sono contenuti: il riferimento è a proposte e menu che non superano i 36 euro di spesa. E così in Lombardia le 'chiocciole' sono ben 17, al settimo posto tra le Regioni italiane dove in testa alla graduatoria si registra il sorpasso del Piemonte alla Toscana, 28 chiocciole a 27, seguite poi da Campania (22), Veneto (21), Lazio (20) e Sicilia (18).

Non poi così folta la rappresentanza bresciana tra le migliori osterie lombarde: grazie alla new entry dell'Osteria della Villetta di Palazzolo quest'anno i menu made in Brescia sono quattro, con le conferme degli ormai classici Dispensa Pani e Vini di Adro, Le Frise di Artogne e La Madia di Brione. Ce n'è una anche sul confine: è l'Hostaria Viola, a Castiglione delle Stiviere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento