Giovedì, 23 Settembre 2021
Eventi

Aspettando il Natale... con i presepi bresciani

Una sessantina le installazioni da non perdere in giro per la Provincia: dai presepi meccanici di Manerba e Castelcovati fino a quelli viventi, di Ono San Pietro e Bione. Sul Garda anche il presepe 'acquatico'

Tecnologici o tradizionali, meccanici e addirittura ‘viventi’: la domenica dell’Immacolata ha ufficialmente inaugurato la nuova stagione dei presepi, in città e nei paesi, allestimenti che prendono forma e, appunto, ‘vita’, un po’ dappertutto, in lungo e in largo per la Provincia.

Oltre una sessantina gli appuntamenti ‘certificati’, dal classico all’innovativo. Quelli ‘artigianali’, che in città saranno messi in mostra, a settimane alterne, dal Villaggio Badia al centro storico, fino alla ‘piccola’ Soiano, sul Garda, dove per una giornata intera i presepi si faranno sfilata, e saranno esposti per le vie del paese.

Presepi ‘internazionali’ come a Concesio o Cazzago, o i presepi meccanici spesso piccoli gioielli della tecnica, pronti a riservare sempre nuove sorprese. Da Botticino a Manerba, da Castelcovati a Cologne, e la storia tutta particolare di Muscoline, dove a quello ‘ufficiale’ della chiesa di Castrezzone si affiancherà quello ‘fatto a mano’, realizzato dal 16enne Luca, appassionato di meccanica e futuro elettricista.

Tra i più attesi ovviamente anche i ‘gardesani’, quelli poggiati sull’acqua come a Limone o Desenzano, e poi sicuramente quelli viventi: dagli oltre 100 figuranti di Bione a quelli di Sarezzo e Vallio, Calcinato e Nuvolera. Oppure a Ono San Pietro, dove al silenzio dei gesti si sovrappone il rumore delle parole, per un vero (e quasi unico) presepio recitato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aspettando il Natale... con i presepi bresciani

BresciaToday è in caricamento