Mostre

Arte e cultura, per San Valentino: viaggio a Venezia tra Canova e Schiavone

Dopo Milano tocca a Venezia: seconda tappa degli "imperdibili appuntamenti" di San Valentino, alla scoperta di Canova e Schiavone al Museo Correr

Seconda proposta imperdibile per San Valentino. La prima era quella di Hayez a Milano: detto fatto, catapultati a Venezia per ammirare i lavori del suo Maestro, raccolti ed esposti nella mostra Il Sublime Canova nelle sale restaurate del Museo Correr di Venezia. Fermiamoci su Amore e Psiche giacenti, immortalati in un abbraccio estatico, posti al centro di un itinerario di cinque nuove sale delle Procuratie Nuove, con marmi autografi, bassorilievi celebri e ispirati ai poemi greco-romani: La morte di Priamo; La danza dei figli di Alcinoo; Ecuba e le troiane offrono il peplo a Pallade. Nelle sale Trionfano la Venere italica, Apollo e Dafne, la tenerezza di Dedalo e Icaro, la bellezza classica di Paride. Sale-neoclassiche con gessi e bozzetti, dipinti a olio e tempera, disegni di studio, fino al ritrovamento e alla ricomposizione del “Mobile Canova”. Tutto ora racconta in modo nuovo e aggiornato l’affascinante storia di Antonio Canova, l’ultimo genioartista della Serenissima, che lo porterà a diventare il maggiore scultore del periodo neoclassico.

Se siete al Correr non potete non raggiungere Schiavone al secondo piano, fermandovi ad ammirare Cupido e Psiche che avanzano con passo di danza, coraggiosi e aggraziati, illuminati dalla luce dell’amore, noncuranti di persone severe protette dall’oscurità. Siamo nelle sale centrali di SPLENDORI DEL RINASCIMENTO A VENEZIA. Andrea Schiavone tra Parmigianino, Tintoretto e Tiziano, allestita e visitabile al Museo Correr fino al 10 aprile. Le opere del Maestro Andrea Meldola detto Schiavone (1510 – 1563) sono 80, provengono da tutto il mondo, appartengono allo straordinario scenario della pittura rinascimentale veneziana. Qui s’impose con un linguaggio pittorico nuovo e spregiudicato, dallo sfolgorante andamento cromatico, denso di accensioni, dissonanze e cangiantismi, quali l’esposizione monografica promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia in collaborazione con 24 Ore Cultura, celebrerà, appunto fino al prossimo 10 aprile.

Un’esposizione spettacolare, per numero e qualità delle opere esposte – ai dipinti si aggiungono disegni, incisioni – la maggior parte dei quali mai esposti in una mostra e prestati per l’occasione dalle Royal Collection di Elisabetta II, dal Kunsthistoriches Museum e dall’Albertina di Vienna, dal Metropolitan Museum of Art di New York, dall’Accademia Croata di Scienze e Arti di Zagabria, dalla Gamdälde Galerie di Dresda, dal Musée du Louvre di Parigi e dal British Museum di Londra. Le opere di Schiavone sono messe a confronto con quelle dei maggiori artisti del tempo, dal suo maestro ideale Parmigianino a Jacopo Tintoretto, da Tiziano a Vasari, Bassano, Veronese, Lambert Sustris: tutte presenze significative nell’età del Manierismo Veneziano. L’intensità delle opere viste dal vero non è paragonabile alla resa delle immagini fotografate, né in suggestione, né in cura dei dettagli, né tanto meno tra le sospensioni dell’opera quando resta incompiuta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arte e cultura, per San Valentino: viaggio a Venezia tra Canova e Schiavone

BresciaToday è in caricamento