Golositalia & aliment: il food che convince la quinta edizione ha totalizzato 71.000 visitatori.

ì

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Cala il sipario a Montichiari (Brescia) sulla quinta edizione di Golositalia, la seconda abbinata al salone professionale Aliment&Attrezzature. Grande soddisfazione degli organizzatori, che dal 27 febbraio al primo marzo hanno visto varcare i cancelli del Centro Fiera del Garda ben 71.000 persone.

Cinque i padiglioni occupati, nei quali sono state organizzate sei aree tematiche. "I visitatori - spiega Mauro Grandi, direttore di Golositalia - si sono distribuiti in modo uniforme. Grande interesse hanno raccolto le zone dedicate alle specialità dall'Italia e dal mondo, al vino, alla birra e ai prodotti bio, vegan e gluten free. Ma altrettanto interesse è stato raccolto dalle aree dedicate alle attrezzature per la ristorazione e al franchising, rivolte in particolare al pubblico professionale".

Proprio su quest'ultimo fronte si è registrata la crescita più interessante. "La ristorazione - dichiara Mauro Grandi - sta vivendo un momento di ripresa. Notiamo molta voglia di innovare e inventare nuove proposte. In questi giorni abbiamo raccolto già 63 richieste di nuove aziende che intendono partecipare il prossimo anno: contiamo di aprire un padiglione in più, tutto destinato alle attrezzature e forniture professionali".
Praticamente tutti esauriti i 120 tra corsi, seminari, degustazioni e dimostrazioni dal vivo, dove si sono cimentati tanto gli appassionati di cucina, quanto cuochi e gestori di locali desiderosi di nuovi spunti per il proprio lavoro.

Tre i concorsi che si sono tenuti in fiera. Domenica il concorso di pasticceria Il più goloso, nel quale si sono cimentati professionisti e dilettanti, ciascuno con un proprio dolce preparato a casa e guarnito in fiera. Grande attenzione per i giudizi e i consigli del presidente della giuria, Iginio Massari. Vincitore nella categoria professionisti Matteo Manzotti, di Treviglio (BG) che aveva già primeggiato tra i dilettanti lo scorso anno e che nel frattempo è entrato nella pasticceria di famiglia. Tra i non professionisti ha invece primeggiato Daniele Carlini, quarantenne geometra di Chioggia.

Lunedì si sono concluse le fasi finali del Trismoka Challenge, competizione tra 6 baristi professionisti e 6 studenti del settore alberghiero e della ristorazione che si sono sfidati nella preparazione di quattro espressi, quattro bevande al latte e altrettante bevande personalizzate a base di caffè. Si è aggiudicato la gara Daniele Ricci, già vincitore lo scorso anno, che con il secondo classificato Simone Paderni parteciperà alle finali italiane del Campionato Italiano Barista caffetteria a Rimini. Martina Allieri è invece miglior giovane under 18.

Ieri infine la premiazione del primo concorso nazionale La stella della cucina senza glutine, indetto dall'Associazione Cuochi Milano e provincia in collaborazione con Associazione Cuochi Bresciani in memoria dello chef Piergiovanni Vivenzi. Ha vinto Alice Gorgatti, giovane foodblogger mantovana che è riuscita a convincere la giuria tecnica con il suo piatto a base di pasta ripiena senza glutine e senza lattosio.
L'appuntamento con Golositalia & Aliment è per febbraio 2017.

Torna su
BresciaToday è in caricamento