Mercoledì, 28 Luglio 2021
Eventi Centro / Via dei Musei

Dario Fo sulle orme di Chagall: la grande arte torna a Santa Giulia

La mostra “Marc Chagall. Anni Russi“ - visitabile dal 20 novembre al 15 febbraio - propone 33 opere, 17 dipinti e 16 disegni più due taccuini ‘inediti’ di disegni e poesie. L’esposizione è arricchita del racconto per immagini della vita e dell’opere del pittore russo realizzato dal premio Nobel Dario Fo

Dario Fo alla presentazione della mostra "Marc Chagall. Anni Russi" © Bresciatoday.it

 Un grande maestro e un sommo allievo che dialogano attraverso immagini oniriche e surreali. Si può sintetizzare così la mostra che aprirà i battenti il prossimo 20 novembre al Museo Santa Giulia.  Il primo incontro, seppur virtuale, tra Marc Chagall e Dario Fo avviene così a Brescia. 

Da una parte i capolavori del periodo russo del pittore lirico e surreale protagonista dell’arte del XX secolo, dall’altra l’eccezionale racconto delle opere e della vita di Chagall realizzato dal premio Nobel per la letteratura Dario Fo. Un dialogo e un incontro che non ha precedenti - seppur contemporanei, Chagall e Fo non si sono infatti mai conosciuti di persona - ed una modalità insolita di “fare mostra”, che supera il tradizionale rapporto tra l’opera d’arte e l’interpretazione critica dello studioso.

L’idea porta la firma di Fondazione Brescia Musei e del Comune di Brescia. La mostra è stata realizzata in collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo e la partecipazione di Giunti Arte Mostre e Musei.  L’esposizione è visitabile dal martedì al venerdì, dalle 9.30 alle 17.30;  fino alle 19 nei weekend.

La mostra Marc Chagall - curata da Eugenia Petrova, direttrice del Museo di Stato Russo - propone 33 opere, 17 dipinti e 16 disegni realizzati tra il 1907 e il 1924 e segue il percorso del pittore dalla sua formazione, fino ai primi anni della sua maturità, prima della diaspora a Parigi. Per la prima volta sono esposti al pubblico anche due taccuini, conteneti disegni e poesie, recentemente ritrovati.  Ad essere indagato è il periodo in cui Chagall si trasferisce da Vitebsk, paese natale e protagonista delle prime opere, prima a San Pietroburgo, dove studia all’accademia russa di Belle Arti e poi a Parigi, città nella quale si trasferirà definitivamente con la mogli Bella dal 1924.  Proprio dal quartiere ebraico della remota cittadina di Vitebsk parte la storia personale e artistica di Chagall e l’esposizione. Tra i più importanti capolavori in mostra al Museo Santa Giulia fino al 15 febbraio c’è infatti Veduta dalla finestra a Vitebsk (1908), tela in cui l’artista russo racconta ciò che gli sta intorno: la sua misera città e il suo straordinario popolo. Il racconto prosegue con i ritratti dei suoi numerosi famigliari -  il padre di Chagal, venditore di aringhe, e la madre, commerciante di generi alimentari, avevano concepito 9 figli -  e della sua gente. Il ritratto della sorella quattordicenne è immortalato nella tela La sorella della artista Maryasinka del 1914. Anche l’amore con Bella Rosenfeld entra nell’immaginario onirico di Chagall e nella storia dell’arte con il dipinto “Gli amanti in blu” del 1914.

Proprio da quell’opera Dario Fo, che non è mancato al vernissage della mostra bresciana, ha voluto partire per spiegare il suo racconto per immagini visive e testuali della vita e dell’opera di Chagall: “La mia è una dimostrazione d’amore per questo pittore - ha spiegato  Dario Fo durante la conferenza stampa -.Ho scoperto la pittura di Chagall a Parigi quando, appena dopo la guerra, ci sono arrivato che avevo vent’anni. Anche Chagall ai primi del secolo, per la prima volta, arrivò nella capitale francese a quell’età: aveva vinto una borsa di studio che gli permetteva di vivere dignitosamente nella capitale dell’arte. Non esagero, devo ammettere che mi ero innamorato della pittura dei quell’artista russo e ho studiato in profondità il suo modo di stendere il colore, la leggerezza del suo disegno, senza dimenticare la forza drammatica che metteva in certe opere. Le mie non sono copie o riproduzioni, ma ho preso le immagini di allora che ho conservato nella mia memoria e le ho dipinte, trasposte un tempo dopo. Per esempio partendo da Gli amanti in blu ho realizzato due tele: Bella rincorsa nell’aria e Un colpo di vento e Bella raggiunge il cielo. Nell’opera di Chagall Bella vola vicino a lui, io ho preso quell’immagine splendida e l’ho realizzata nello stesso ambiente un tempo dopo: il vento porta via la ragazza e lui la insegue. Sono andato avanti a raccontare nella follia. Chiunque può imparare da Chagall lo sviluppo continuato, l’andare oltre. Il grande maestro è colui che ti fa andare oltre: oltre alla follia, alla disperazione.”

Il premio Nobel Dario Fo ha realizzato 20 dipinti, accompagnati da 15 bozzetti preparatori e da un racconto sulla vita e l’opera di Chagall. Uno straordinario omaggio che sarà celebrato con un’unica lezione spettacolo che si terrà il 16 gennaio al Teatro Grande.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dario Fo sulle orme di Chagall: la grande arte torna a Santa Giulia

BresciaToday è in caricamento