menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un frame da "Acid Rain"

Un frame da "Acid Rain"

Desenzano Film Festival: lo psichedelico "Acid Rain" premiato come Miglior Film

Tutti i premi dell'edizione 2020 del Desenzano Film Festival, causa pandemia solo online e on demand

Un viaggio psichedelico attraverso la cultura rave, una storia di musica, droga e morte: è “Acid Rain” di Tomek Popakul il miglior film della seconda edizione del Desenzano Film Festival, la mostra internazionale di cinema breve in scena quest'anno, causa pandemia, solo in versione online e on demand, per cinque giorni di proiezioni no stop dal 18 al 22 novembre.

In pochi giorni più di 2mila spettatori unici

Lontani ma vicini, è andata comunque bene, ben oltre le aspettative. In pochi giorni si contano più di 2mila spettatori unici – e solo dall'Italia: la piattaforma era infatti “geobloccata” dall'estero, per motivi di diritti d'autore – per un totale di oltre 10mila visite, dunque una media di 5 corti a testa. Rispetto alla prima edizione “live” del 2019, con pubblico in presenza, gli spettatori si sono moltiplicati per dieci, e anche gli orizzonti si sono allargati, trattando temi che vanno al di là della sola esperienza locale e di comunità.

“Ciò che ci ha regalato questa edizione – commenta il direttore artistico Matteo Delai – è stato un pubblico più ampia, con una selezione di cortometraggi che ha potuto sondare diverse tematiche e una partecipazione del pubblico che ha potuto esprimersi commentando i lavori. Complimenti ai registi in concorso per averci offerto le loro opere e riflessioni: i miei più sentiti ringraziamenti, con il desiderio di ritrovarvi tutti in sala alla prossima edizione”.

Desenzano Film Festival: tutti i premi

Questi tutti i film premiati al Desenzano Film Festival 2020.

  • MIGLIOR FILM - “Acid Rain” di Tomek Popakul (Polonia)
  • MIGLIOR CORTO LOMBARDO - “Happy Today” di Giulio Tonincelli (Salò)
  • MIGLIOR FILM UNDER 25 - “A' la Mer Poussière” di Héloïse Ferlay (Francia)
  • MIGLIOR VIDEO ART EXPERIMENTAL - “Synchronicity” di Michelle Brand (Gran Bretagna)
  • MIGLIOR REGIA - “Aurore” di Mael le Mée (Francia)
  • MIGLIOR FOTOGRAFIA Tom Enlzer in “Als Je Later Groot Bent” di Max Baggermann (Olanda)
  • MIGLIOR MONTAGGIO - Melanie Akoka in “Yearlings” di Melanie Akoka (Francia)
  • MIGLIORE INTERPRETAZIONE - Matilda Enchil in “Da Yie” di Anthony Nti (Belgio/Ghana)
  • MIGLIOR SCENEGGIATURA - “Farewell Party” di Kill Kovesh (Israele)
  • MIGLIOR SCENEGGIATURA INEDITA - “Safe” di Federico Maria Giansanti (Italia)
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento