Brescia: Notte del Sacro 2014

  • Dove
    Centro Storico
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 11/10/2014 al 11/10/2014
    A partire dalle 20:30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Sabato 11 ottobre le nove chiese parrocchiali del Centro storico di Brescia resteranno aperte fino alla mezzanotte per l'evento la "Notte del Sacro" 2014.

Questo cammino notturno, come nelle precedenti edizioni, sarà costellato di vari appuntamenti artistici – realizzati in differenti fasce orarie – che attraverso la musica, il teatro e il cinema aiuteranno a muovere alcuni importanti passi nella bellezza e nel sacro.

Un lungo percorso nel cuore del centro storico cittadino, alla scoperta delle nove chiese parrocchiali e del loro patrimonio storico, artistico e spirituale.

PROGRAMMA

  • Ore 20.30 Chiesa dei Santi Faustino e Giovita

VEDEMMO FINALMENTE APERTO IL CIELO
Compieta per il Corpus Domini
musica e poesia

Palma Choralis · Gruppo di Ricerca & Ensemble di Musica Antica
Ideazione e cura del progetto liturgico-musicale Marcello Mazzetti & Livio Ticli
Cantores Isaac Alonso de Molina, Maria Bayley, Chiara Colm, don Graziano Ghisolfi
Canto e Direzione Marcello Mazzetti e Livio Ticli / Voce recitante Alessandro Mor / Testi a cura di Carla Bino

La Compieta è l’ultimo momento della preghiera quotidiana, che conclude il giorno e affida a Dio il compito di vigilare durante il riposo notturno Le tenebre, come un leone ruggente che insidia l’anima, nei secoli hanno sempre rappresentato l’indicibile, l’insondabile, il timore di perdersi nell’oblio. Per questo, l’ufficio di Compieta sviluppa la grande antinomia di luce e ombra come metafora della vaglia e del sonno, della salvezza e della morte, della visione cosciente e della cecità irrazionale.

Attraverso l’unione di canto liturgico e lettura attoriale, lo spettatore sarà condotto nel grembo della notte: Pier Damiani, Agostino, Turoldo, Ibàñez Langlois e, infine, Novalis, contrappunteranno la salmodia, le letture bibliche e gli inni propri di questo Ufficio, suggerendo le parole per un affido timoroso alle braccia del Padre. Tra di esse il sonno trascorre in pace. Il risveglio, poi, è un’alba materna: un ‘vedere finalmente aperto il cielo’.

  • Ore 20.30 Chiesa di Sant’Afra

TRE VOLTE DIO
Michele Lobaccaro, chitarra, basso / Fabrizio Piepoli, voce, loop machine, santur, harmonium / Francesco Palma, percussioni, loop machine / Carla Robertson, voce recitante / Fiore Zulli, voce recitante e regia teatrale
Dialogo letterario e musicale – durata: 70’

Un grande dialogo letterario e musicale sulle tre religioni del Libro: l’Ebraismo, il Cristianesimo e l’Islam.  Lo spettacolo, ideato da Michele Lobaccaro, autore e musicista dei Radiodervish, vede gli artisti solcare i territori sonori e i coinvolgenti racconti delle tradizioni del Mediterraneo. Un raffinato repertorio di canti devozionali appartenenti alla storia delle tre grandi religioni monoteiste: un solo Dio declinato in tre diverse forme, una sola ispirazione musicale, scandita in tre diversi idiomi.

Un percorso nel sacro, quindi, che tocca la dimensione più profonda del nostro essere uomini e fratelli. Un concerto di grande attualità, fortemente legato alla realtà del nostro tempo presente globalizzato e in costante mutamento, dov’è sempre più urgente agire affinché le diversità di cultura, razza o culto siano, in ogni nazione, finalmente considerate ricchezze invece di pericoli.

  • Ore 20.30 Chiesa di San Giovanni Evangelista

PARABOLE DI UN CLOWN
produzione Teatro Minimo
di Bruno Nataloni e Umberto Zanoletti / con Bruno Nataloni
musiche scritte ed eseguite da Mauro Ghilardini, Francesco Maffeis, Jurij Roncan / costumi di Elisabetta Cosseddu / regia di Umberto Zanoletti
Spettacolo teatrale – durata: 65’

In viaggio con una vecchia 500. A bordo un nonno, un tempo clown in un circo, e Stefano, suo nipote, alle prese con la crisi dei suoi quarant’anni. Tra Bologna e la Sardegna, seguendo un itinerario non dettato dalla fretta, o dalla prudenza, bensì seguendo le tappe di un cammino di fede, passando dai luoghi dove il nonno ha ricevuto i sacramenti.

Un viaggio anche nel tempo: dal presente fino ad arrivare al giorno in cui è diventato cristiano ricevendo il battesimo. Le vicende che il nonno racconta lungo il percorso spesso scaturiscono da una vita che ha le caratteristiche di una caduta misurata di un clown. Specchiandosi però nelle pagine delle Sacre Scritture, diventano occasioni inaspettate non solo per riflettere ma anche per commuoversi o sorridere.

  • Ore 21.15 (primo spettacolo) e ore 22.00 (replica) Chiesa di Santa Maria in Calchera

PER GRAZIA RICEVUTA
produzione Teatri35
con Gaetano Coccia, Francesco O. De Santis, Antonella Parrella
Tableaux vivants dall’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio – durata: 30’

Morbidi drappeggi e muscoli tesi. Lame, frutti e odore d’incenso. Attori come attrezzisti, scenografi e modelli del pittore. Piume e pesi in sospensione. Il silenzio sacrale profanato dal ritmo della costruzione. Le tele si compongono sotto l’occhio dello spettatore coinvolto in un’esperienza mistica e sensoriale.

Nulla è lasciato al caso così come nulla è superfluo. La dinamica della costruzione trova il suo equilibrio nella sospensione musicale di uno stop, nel fermo immagine di un’azione in divenire che costringe il corpo ad una tensione muscolare viva e pulsante. Alla fine, Caravaggio si sente, si assapora, si tocca, si respira, si vede.

  • Ore 22.00 Chiesa di San Lorenzo

L’AMORE INATTESO
di Anne Giafferi (Francia, 89’)
commento a cura di Paolo Ferliga, docente di filosofia e psicoanalista e don Marco Busca, teologo
introduce e modera don Adriano Bianchi, presidente nazionale Acec
FIlm e commento - durata complessiva: 120’

Tratto dal best-seller Catholique anonyme (di Thierry Bizot, marito della regista) il film L’amore inatteso tratta con umorismo la vocazione religiosa che coglie d’improvviso un brillante quarantenne, rappresentante tipico di quella media borghesia parigina, colta, illuminata e decisamente poco incline alla spiritualità, che scopre improvvisamente dentro di sé la fede.

Tra le battutine dei suoi amici e le paure della moglie, spaventata da un possibile allontanamento del marito, Antoine inizia così, quasi segretamente, un percorso che lo porterà a trovare Dio, riuscendo così a trovare dentro di sè gli strumenti per riaggiustare il rapporto con suo figlio.

Interpretato da Eric Caravaca, Arly Jover, Valérie Bonneton, Jean-Luc Bideau e Benjamin Biolay, il film è ispirato al rapporto reale tra la regista e suo marito.

  • Ore 22.30 Chiesa di Sant’Alessandro

A LOVE SUPREME
Gavino Murgia sax soprano, flauti, voce / Marcello Peghin chitarre / Federico Sanesi percussioni
Concerto jazz - durata: 60’

A Love Supreme è il titolo di un album discografico del musicista jazz statunitense John Coltrane. È ritenuto il capolavoro di Coltrane ed uno dei dischi più importanti della storia del jazz. È strutturato come una suite in quattro parti dedicate a Dio con un’intensità profonda e un’ispirazione fortissima.

Rappresenta il personale percorso dell’artista scandito in quattro movimenti: Acknowledgement (accettazione, ammissione ma anche presa di coscienza), Resolution (risoluzione, riconoscimento), Pursuance (conseguimento), e Psalm (salmo, preghiera). 

«Durante l’anno 1957 sperimentai, per grazia di Dio, un risveglio spirituale che doveva condurmi ad una vita più ricca, più piena, più produttiva. A quel tempo, per gratitudine, chiesi umilmente che mi venissero concessi i mezzi ed il privilegio di rendere felici gli altri attraverso la musica. Sento che ciò mi è stato accordato per Sua grazia. Ogni lode a Dio» (dalle note di copertina scritte da John Coltrane per l’album A Love Supreme). Il trio, di fama internazionale, fonda sonorità classiche, mediterranee e jazz con grande forza evocativa.

  • Ore 22.30 Chiesa dei Santi Nazaro e Celso

THE LADIES OF GOSPEL
Tia Architto vocals / Nadia Straccia vocals / Joy Garrison vocals / Desireè Kedjour vocals /
Davide Pistoni tastiere
Concerto gospel – durata: 70’

Dopo aver fatto parte di numerosi gruppi Gospel quali The Jubilee Gospel Singers, Chicago High Spirits, Mothers of Gospel e Gospel Times, The Ladies of Gospel decidono di creare un proprio gruppo prendendo tutte le loro passate esperienze per creare una meravigliosa musica Spiritual.

Perché il nome “The Ladies of Gospel”? L’obiettivo era creare un gruppo formato da eleganti e raffinate voci femminili, in grado di cantare con il cuore, imparando dalle influenze di Mahalia Jackson e Shirley Caesar ma anche dall’eleganza e dallo stile di grandi donne dell’era jazz quali Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald e Dinah Washington, tutte vere donne del canto.

Il repertorio del quintetto varia dai classici spirituals alle più datate e conosciute canzoni afro-americane gospel cantate a cappella, dai più noti inni gospel quali “Amazing Grace” a molti brani contemporanei quali “For Your Glory”, “Jesus” e “What a Wonderful Child”, fino ad arrivare alla soul music con i più celebri brani cantati da Aretha Franklin quali “Bridge Over Troubled Waters” e “Spirit in the Dark”.

  • Ore 22.30 Chiesa di Sant’Agata

UOMINI, SIATE UOMINI
performance del ‘Laboratorio di drammaturgia sulla figura di Paolo VI’
S.t.ar.s - Università Cattolica del Sacro Cuore, in collaborazione con la Diocesi diBrescia
a cura di Luciano Bertoli
Letture teatrali – durata: 50’

Il segreto di un buon esempio, diceva Montini, non è cercare lode e approvazione, ma offrire virtù vera, anche se nascosta o se contraria all’opinione pubblica. Come papa egli è stato audace ed ha compiuto scelte coraggiose, senza mai preoccuparsi dell’impopolarità o senza badare agli indici di gradimento.

La performance, preparata da un gruppo di giovani studenti dello Stars, cerca di riproporre questo aspetto del magistero di Paolo VI. Lungo un percorso di poesia, testimonianza e riflessione i giovani attori vogliono considerare ciò che può succedere ad ogni uomo, ogni giorno, quando la propria strada si intreccia con altre strade.

Raccontano una vita che sa prendere posizione, che si sporca le mani, che non resta indifferente. Raccontano di uomini che muoiono per altri uomini o che vengono sacrificati al posto di altri uomini. Raccontano della morte del corpo e della morte dello spirito, perché si possa avere fiducia nella vita e non aver paura della morte. Raccontano di uomini. Che sanno essere uomini.

  • Ore 00.30 Duomo Vecchio

IO TI CONFESSO
con Lucilla Giagnoni
musiche originali Paolo Pizzimenti / testo a cura di Carla Bino
Letture teatrali tratte da Le Confessioni di Sant’Agostino – durata: 60’

Le Confessioni sono un testo capitale della cultura cristiana. Vi si racconta la storia della vita di un uomo, dai primi momenti dopo la sua nascita per giungere agli anni della piena maturità. Non è, però, solo un testo autobiografico: è anche una ‘macchina della memoria’, un viaggio nel ricordo lungo un doloroso percorso, che porta Agostino ad aprire gli occhi, o meglio a cambiare con fatica occhi, sguardo, modo di vedere.

Così, lui, che prima era abituato a mettersi in mostra per farsi guardare dagli altri e a ‘guardarsi addosso’ quasi fosse curvo su di sé, pian piano si alza, cambia atteggiamento, e alla fine si trova davanti al suo volto di uomo, mettendo gli occhi fissi nei suoi occhi. Questa storia è la storia di una confessione, ossia di un ‘confidarsi’ e di un ‘affidarsi’ a Dio e al suo ordine, l’ordine dell’amore. L’unico ordine per vedere, parlare e agire. L’unico ordine per vivere.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Gussago: Lo Spiedo Scoppiettando

    • dal 18 settembre al 17 dicembre 2020
    • Ristoranti aderenti
  • Serle: Profumo di Spiedo

    • dal 2 ottobre al 18 dicembre 2020
    • Ristoranti aderenti
  • Limone: Visite alla limonaia del Castel

    • dal 17 settembre al 31 dicembre 2020
    • Limonaia del Castel
  • Cellatica: Casa Museo della Fondazione Zani

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 dicembre 2021
    • Casa museo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BresciaToday è in caricamento