Cinema

Una bresciana sbarca alla Mostra del Cinema di Venezia

Alla mostra del Lido è pioggia di film che affrontano le tematiche della migrazione. In uno di questi, LA-BAS di Guido Lombardi, un ruolo importante è interpretato da Esther Elisha, nata a Brescia, papà del Benin e nonna di Potenza

Alla mostra del cinema di Venezia è pioggia di film che affrontano le tematiche della migrazione. In uno di questi, LA-BAS di Guido Lombardi, un ruolo importante è interpretato da  Esther Elisha, nata a Brescia, papà del Benin e nonna di Potenza. Attrice ormai affermata, dopo aver recitato nel 2006 in Last Minute Marocco accanto a Valerio Mastandrea e Kesia Elwin; nel 2008 ne Il prossimo tuo dove compare tra i protagonisti accanto a Maya Sansa e Diane Fleri.

Nel film LA-BAS  è invece protagonista il ventenne Yssouf (Kadèr  Alassane). E' lui ad arrivare pieno di speranza a Castel Volturno in cerca di uno zio che sembra abbia fatto i soldi. Ma questo zio non si trova. E intanto Yssouf si ritrova a vendere fazzoletti ai semafori e a capire che anche in Europa si può essere reietti, poveracci che non sanno dove dormire o lavarsi. Per lui, musulmano con vocazioni artistiche che si ritrova dopo un po' innamorato di una giovane prostituta nigeriana di nome Suad (Elisha), arriva inaspettato l'incontro con lo zio Moses (Mone). Mille miglia lontano dagli amici africani che gli hanno offerto la loro generosa quanto povera ospitalità in cambio di nulla, Moses è invece uno che ha davvero fatto strada. I soldi gli arrivano con facilità anche se la sua banda deve vedersela con la camorra, quella vera, quella che vuole guadagnare sui suoi stesso guadagni. Nonostante qualche riluttanza, Yssouf verrà così assoldato nel suo piccolo clan malavitoso. E questo fino alle estreme conseguenze. In LA-BAS, infatti, anche una sequenza che ricorda la strage di Castel Volturno del 18 settembre 2008 dove vennero uccisi sei ragazzi di colore.
 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una bresciana sbarca alla Mostra del Cinema di Venezia

BresciaToday è in caricamento