menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Antonio Stagnoli protagonista del nuovo film di Elisabetta Sgarbi

Il pittore Antonio Stagnoli, sordomuto e lo scrittore Pino Roveredo figlio di genitori sordomuti raccontano la loro vita a parole e gesti nel nuovo film di Elisabetta Sgarbi "Sono rimasto senza parole"

Entrambi i protagonisti del film sono stati vessati dai colpi della vita, ma entrambi si sono riscattati attraverso l’arte che, della vita, li ha fatti innamorare di nuovo.
Davanti alla telecamera, ma soprattutto dimentichi di essa, Antonio Stagnoli, sordomuto e lo scrittore Pino Roveredo, figlio di genitori sordomuti, hanno tentato di raccontarsi, a parole e a gesti, a partire da quel luogo da cui entrambi provengono, il silenzio.

Così, alla luce di una tacita condivisione, nello studio del pittore Stagnoli a Bagolino, hanno preso forma i ricordi dell’uno e dell’altro: gli amori, la famiglia, le vittorie e le sconfitte, le amicizie e quelle che parevano tali, la grande Storia e quella più minuta, i mecenati, i critici. E, su tutto, l’arte.

La pellicola è stata presentata in anteprima nazionale a Bari nell’ambito del Festival Frontiere, prodotta dallo Studio d’Arte Zanetti, da tempo impegnato nel lavoro di valorizzazione dell’artista valsabbino, e da Betty Wrong.

Scheda film:
Regia: Elisabetta Sgarbi
Con Antonio Stagnoli e Pino Roveredo
Musiche originali: Matteo Ramon Arevalos,
e Giuseppe Verdi, Johan Sebastian Bach, Franco Battiato
Fotografia: Elio Bisignani, Andres Arce Maldonado
Montaggio: Elisabetta Sgarbi, Andres Arce Maldonado
Scenografie: Luca Volpatti
Mix audio: Pino Pinaxa Pischetola

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento