Il fu Mattia Pascal in scena al Sociale

Ma cosa corrisponde a un semplice nome proprio? È questa la domanda alla quale intende rispondere il protagonista del romanzo di Pirandello, che così inizia il suo viaggio attraverso i vari modi d’apparire di se stesso a se stesso ed agli altri, tra gli intrighi e le convenzioni di una vita moltiplicata all’infinito che ci impedisce di capire chi siamo veramente, alla ricerca della propria vera identità attraverso mille morti e rinascite.

La riduzione in commedia compiuta da Tato Russo tralascia la tecnica della narrazione, propria del romanzo, e trasferisce ad una dimensione teatrale il racconto. Liberandosi così dal rischio di una proposta troppo vincolata alla struttura letteraria, Tato Russo fa propria la materia del testo per riscriverla in un linguaggio drammaturgico affine al Pirandello scrittore per il teatro, alla maniera che avrebbe operata lo stesso autore del romanzo nel momento in cui avesse scelto di trasferirla in commedia. Il romanzo sembra così recuperato e acquisito al repertorio delle commedie del Nostro in modo definitivo.

Mattia Pascal è Tato Russo nel doppio ruolo di Mattia Pascal e di Adriano Meis, ma anche gli altri personaggi che concorrono alla sua vicenda si rincorrono nella storia, interpretata così dagli stessi attori in identità e personaggi diversi, quasi a scegliere di non chiarire affatto, nello spettro delle rassomiglianze, la distinzione tra i vari aspetti della realtà. Mattia e i suoi coinquilini della storia muoiono tutti per rincontrarsi identici nella storia di Adriano Meis e rivivere poi in quella nuova di Pascal.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Buona giornata a tutti, Ieri sera ho assistito alla messa in scena de "Il fu Mattia Pascal". Devo dire che l'esperienza è stata pessima. La compagnia di Tato Russo mi è sembrata per nulla all'altezza, sia per quanto riguarda la messa in scena in generale, sia per quanto riguarda la recitazione in particolare. Gli attori hanno preferito urlare piuttosto che recitare e questo atteggiamento ha appiattito il profilo psicologico di Giambattista, Romilda, Adriana and Co. Mimica ridotta ai minimi termini e utilizzo del corpo inesistente. Si salvano solo Anselmo e Terenzio. Speriamo che tutto ciò fosse dovuto al freddo che in questi giorni rende tutti più nervosi ed inqueti…

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Centro Teatrale Bresciano: "Gli infiniti mondi", stagione 2020-2021

    • dal 27 ottobre 2020 al 30 maggio 2021
    • Teatro Sociale -Teatro Mina Mezzadri
  • Il mutare delle stagioni: in TV la seconda parte di “Un libro, per piacere!”

    • Gratis
    • dal 7 febbraio al 28 marzo 2021
  • Brescia: "Gli infiniti mondi", la stagione CTB 2020 - 2021

    • dal 27 ottobre 2020 al 16 maggio 2021
    • Teatro Sociale

I più visti

  • Cellatica: Casa Museo della Fondazione Zani

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 dicembre 2021
    • Casa museo
  • Brescia: Juan Navarro Baldeweg al Capitolium

    • dal 18 settembre 2020 al 5 aprile 2021
    • Capitolium
  • Centro Teatrale Bresciano: "Gli infiniti mondi", stagione 2020-2021

    • dal 27 ottobre 2020 al 30 maggio 2021
    • Teatro Sociale -Teatro Mina Mezzadri
  • Il mutare delle stagioni: in TV la seconda parte di “Un libro, per piacere!”

    • Gratis
    • dal 7 febbraio al 28 marzo 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BresciaToday è in caricamento