Massoneria: la Loggia bresciana si svela dopo 40 anni di simboli e segreti

Sabato pomeriggio all'Hotel Vittoria una conferenza per celebrare i 40 anni della Loggia Leonessa Arnaldo, istituzione erede della Loggia Arnaldo da Brescia, fondata nel 1863

Niente più segreti: i massoni bresciani aprono le porte al grande pubblico. Lo faranno sabato pomeriggio, dalle 17 all'Hotel Vittoria di Via X Giornate, in occasione di una libera conferenza dedicata appunto alla storia dei massoni nel Bresciano, e che fa parte delle celebrazioni del quarantesimo anniversario della Loggia Leonessa Arnaldo.

Quarant'anni ufficiali, ma una storia ben più longeva: la Loggia Arnaldo è la più antica loggia massonica bresciana, attiva nel Grande Oriente d'Italia di Palazzo Giustiniani, il principale ordine liberomuratorio italiano, fondato nel 1805. La Loggia Leonessa Arnaldo può essere definita erede della Loggia Arnaldo da Brescia, fondata nel 1863.

La Loggia Arnaldo, fanno sapere gli stessi “promotori”, ha assicurato “la continuità storica della presenza massonica a Brescia”. Sono circa 200 ad oggi i massoni bresciani: oltre a Brescia ci sono logge a Botticino e Marone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Grande Oriente d'Italia viene definito come “un ordine iniziatico di carattere tradizionale e simbolico, i cui membri operano per l'elevazione morale e spirituale dell'uomo e dell'umana famiglia”. Coloro che vi appartengono vengono chiamati “Liberi Muratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme focolaio nel Mantovano: 97 positivi in un'azienda agricola

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento