"Artemisia Gentileschi, Pittrice Guerriera": su VatiVision il film sulla pittrice icona del femminismo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

“Artemisia Gentileschi, Pittrice Guerriera” è tra i nuovi titoli disponibili su VatiVision (www.vativision.com) e va ad arricchire l’ampia offerta dedicata al mondo dell’arte e alle vite dei suoi protagonisti della nuova piattaforma di video on-demand. Girato in altissima definizione con passione e rigore storico, il film del regista Jordan River ripercorre la vita della grande pittrice che nel 1618, a soli 23 anni, fu la prima donna a essere ammessa all’Accademia di Disegno di Firenze e la prima artista italiana ad avere una carriera internazionale. Lo stile vivido e altamente espressivo, ispirato al realismo caravaggesco, che ha reso celebre l’artista a livello mondiale, riflette la drammaticità di un evento che ne segnò la vita e l’arte.

Stuprata da un amico del padre, il pittore Orazio Gentileschi, la giovane pittrice venne esposta all’umiliazione di un processo pubblico da lei stessa voluto e sottoposta alla violenza dei metodi inquisitori del Tribunale dell’epoca. Il dato autobiografico, unito al carattere forte e alla strenua difesa della propria dignità umana e professionale, hanno reso Artemisia Gentileschi uno dei simboli del femminismo internazionale e della lotta alla violenza sulle donne: il film è simbolicamente uscito lo scorso 25 novembre in occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne istituita dall’ONU.

Prodotta da Delta Star Picture e con Angela Curri nel ruolo di Artemisia, la pellicola – in concorso al Premio David di Donatello 2021 – è già stata insignita di autorevoli riconoscimenti internazionali: Best Feature Docudrama al Global Nonviolent Film Festival 2020, Best Documentary Film all’European Cinematography Award 2020, Miglior documentario al XXIV° Terra di Siena International Film Festival 2020.

Torna su
BresciaToday è in caricamento