Pericolo Covid dall'Est, la vendemmia non aspetta: in arrivo 3.000 lavoratori romeni

Sono più di 3mila i lavoratori che dalla Romania saranno in provincia di Brescia – dalla Franciacorta al Lugana – per raccogliere le pregiate uve dei nostri vigneti

Vendemmia (foto d'archivio)

Prima gli italiani, ma fino a un certo punto: la manodopera scarseggia entro i confini italici, e dunque il grido sovranista si spezza di fronte alle necessità della vita vera. Come scrive il Giornale di Brescia, sono più di 3mila i braccianti rumeni che arriveranno in provincia di Brescia, tra agosto e ottobre, per raccogliere l'uva nei pregiati vigneti della Franciacorta e del Lugana. Le prime fasi della vendemmia (con le uve da spumante) inizieranno già a ridosso di Ferragosto, per proseguire poi fino a settembre e ottobre.

Tampone per tutti, controllo temperatura

Al di là dell'accordo economico, in queste ore si sta lavorando anche a un accordo sanitario: tra le ipotesi anche quella di sottoporre tutta la manodopera straniera al tampone. Più realistica quella secondo cui ai lavoratori sarà misurata la temperatura corporea alla partenza e all'arrivo, attrezzati con dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherina) e costantemente controllati.

Tutti i giorni, prima di andare in vigna e sul posto di lavoro, verrà loro misurata la temperatura: come da prassi, se dovesse risultare superiore a 37 e mezzo, interruzione immediata del lavoro, isolamento e tampone in tempi rapidi. Le aziende dovranno poi consegnare ad Ats gli elenchi dei lavoratori impegnati nei campi, sia italiani che stranieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La manodopera straniera viene reclutata da aziende specializzate a seguito di apposite richieste formulate dalle aziende interessate, in questo caso del settore vitivinicolo. Ricordiamo che sia in Franciacorta che in Valtenesi le offerte di lavoro a chilometro zero non sono mai mancate. Gli anni passati, per raccogliere l'uva, veniva schierato un “esercito” di lavoratori da India, Pakistan e Bangladesh: quest'anno niente da fare, a causa dell'emergenza sanitaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento