rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia Lonato del Garda

Feralpi pronta ad acquistare acciaieria in crisi a Borgo Valsugana

Giuseppe Pasini ha illustrato il progetto, che prevede il passaggio di proprietà dalla famiglia Leali alla Feralpi Group, all'assessore all'Industria del Trentino Alessandro Olivi

Sei-sette mesi di tempo per garantire un futuro occupazionale ai lavoratori dell'Acciaieria di Borgo Valsugana attraverso il subentro produttivo del Gruppo Feralpi all'attuale proprietà Leali e la nascita di una filiera per la produzione di acciai speciali tra lo stabilimento trentino e il laminatoio di Odolo, entrambi oggetto di concordato preventivo.

Il progetto è stato illustrato all'assessore all'Industria del Trentino Alessandro Olivi da Giuseppe Pasini, presidente di Feralpi Group realtà siderurgica bresciana con 1.350 lavoratori e un fatturato 2011 di 1,1 miliardi di euro.

Mentre a Trento la procedura sta muovendo i primi passi - è stato chiarito - quella di Brescia è già in una fase avanzata e potrebbe giungere a conclusione nei prossimi mesi, in linea con l'interesse mostrato da Feralpi ad acquisirne la struttura.

Soddisfatto l'assessore Olivi sia circa il futuro produttivo ('Feralpi è oggi uno dei grandi player internazionali impegnato nella ricerca, nell'innovazione e nella tutela dell'ambienté) sia produttivo.

"Feralpi - spiega - ha confermato la volontà di procedere all'assunzione di un forte nucleo di manodopera, stimato in un centinaio di unità, avviando un percorso con il sindacato. Siamo in presenza - prosegue Olivi - di una azienda con forte attenzione alla buone relazioni sindacali". Altro tema è quello ambientale. "E' stata prospettata la volontà di potenziare gli investimenti relativi alle protezioni ambientali - spiega Olivi - pur in presenza già oggi di una situazione positiva con emissioni sotto i limiti di legge".

Olivi ha peraltro garantito la possibilità di rimettere in linea il contributo di 2,5 milioni di euro concesso ai Leali, e poi congelato, per gli investimenti già realizzati a protezione dell'ambiente.

"Mi pare una proposta avanzata da un gruppo industriale solido e di grande reputazione, che ha dimostrato grande capacità gestionale e di investimento anche in anni difficili per il settore siderurgico - conclude Olivi -. Sono positivamente impressionato dall'attenzione mostrata dall'azienda sul tema occupazione e sul rapporto con il territorio, due punti certamente importanti se riferiti a Borgo Valsugana. Importante è ora rimette in moto la macchina produttiva".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Feralpi pronta ad acquistare acciaieria in crisi a Borgo Valsugana

BresciaToday è in caricamento