Nuovo maxi-stabilimento: 100 milioni di euro per 100 posti di lavoro

Proseguono spediti i lavori per la realizzazione del nuovo maxi-stabilimento (in totale oltre 55mila mq) che le Trafilerie Gnutti stanno realizzando a Urago d'Oglio

La rielaborazione grafica del nuovo stabilimento

Cento milioni di euro per cento nuovi posti di lavoro: proseguono spediti i lavori di realizzazione del nuovo maxi-stabilimento delle Trafilerie Gnutti, che prenderà il posto degli stabili della ex Durpress (tra Urago d'Oglio e Chiari) ormai già abbattuti da parecchi mesi. Un investimento importante, frutto di un progetto di sviluppo programmato da tempo: la nuova fabbrica andrà ad occupare oltre 55mila metri quadri di superficie coperta, in un'area che complessivamente ne vale più di 150mila.

I dettagli del progetto

Il maxi-stabilimento segue la linea di un ampliamento produttivo, da qualche anno inaugurato anche nello storico quartier generale di Chiari, che oltre alle barre d'ottone prevede la lavorazione delle barre d'alluminio. Un mercato sempre interessante: da gennaio ad oggi le quotazioni di alluminio (alla tonnellate) sono cresciute da circa 4700 euro a più di 5100.

Al suo interno la fabbrica sarà attrezzata con vari forni per il trattamento termico, due linee di estrusione e trafilatura, uno spazio logistico per la distribuzione dei materiali lavorati. Come detto, sono circa un centinaio i nuovi posti di lavoro attesi: in tempi brevi si conoscerà qualche dettaglio in più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tempi tecnici

Il primo lotto, un “blocco” da circa 32mila metri quadrati, dovrebbe concludersi entro i prossimi mesi. Del progetto se ne parla ufficialmente dal 2013, i lavori sono partiti un paio d'anni più tardi. L'ampliamento delle Trafilerie è proprio sul confine tra i due Comuni, entrambi coinvolti in una procedura di variante urbanistica, con l'attivazione di un Suap, lo Sportello unico per le attività produttive. Il progetto è stato ovviamente sottoposto anche a procedura di Vas, la Valutazione ambientale strategica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento