Martedì, 22 Giugno 2021
Economia

Teleserenità: "L'anziano e la famiglia, come aiutarli"

I rischi che si corrono nell'affidare a sconosciuti i nostri cari. Sono lieta di informarvi che qualora lo riterreste opportuno, sarei disposta a curare una rubrica sugli anziani e disabili

Dall'ultimo censimento ISTAT risulta che, nella provincia di Brescia, su una popolazione di 1.256.025 abitanti gli over 65 sono 232.901 pari a una percentuale del 18,5%, mentre, se consideriamo solo il capoluogo, su 193.879 gli over 65 sono 46.806 con una percentuale di ben 23,8 %, invece la popolazione con età superiore agli 80 anni risulta essere rispettivamente di 64962 (5,2%) e 14760 (7,4%) dato che è destinato ad aumentare esponenzialmente fino ad arrivare ad un' aumento del 180% nel 2050 .

Purtroppo ad un così alto numero di anziani, non corrisponde un numero adeguato di strutture, soltanto 99 sul territorio provinciale, con una capacità di 6080 posti letto totali ma soltanto 5475 accreditati, quindi solo poco più dell' 8% degli anziani può essere assistito in una struttura, e la speranza di ottenere un posto in una di esse, diventa quasi impossibile visto che la lista d'attesa complessiva è di molto superiore alle 11000 domande ( dati FNP bresciana aggiornati al 2010), con rette che oscillano tra i 1500 ed i 1800 euro mensili, gli enti locali partecipano mediamente con una quota parte che nel 2010 era pari a 300 euro mensili, quota che con i tagli delle ultime manovre attuate dal governo sarà sempre più ridotta.

La mancanza di posti nelle RSA, l'alta retta mensile, e, di non secondaria importanza, l'aspetto psicologico, porta a favorire tutte le forme di assistenza domiciliare, da indagini effettuate a livello europeo, la qualità della vita degli anziani migliora notevolmente nel loro ambiente socio culturale.

In base a quanto su detto negli ultimi anni l'assistenza domiciliare, per alcune ore al giorno, oppure per l'intera giornata ( badante), assume sempre più l'aspetto di servizio sociale vero e proprio, purtroppo, nella maggioranza dei casi, il parente dell'anziano se non viene aiutato dai servizi sociali, viene lasciato allo sbando, ed in questa fase che tende a rivolgersi ad altre figure a lui più vicine ad esempio i parroci o al passaparola, ma questo sistema nonostante la buona volontà, ha notevoli pecche, non di rado rischiamo di affidare i nostri cari a persone, in maggioranza straniera, che senza aver nessuna preparazione s'improvvisa assistente, oppure, può anche capitare che, come sempre più accade, rischiamo di mettere in casa dei malintenzionati. E' in questa fase che Teleserenità grazie alla sua esperienza oramai ventennale e la diffusione ormai a livello nazionale, può offrire quelle garanzie che risultano essere basilari per avere un'ottima assistenza domiciliare.

Punto di forza è la " BADANTE NO PROBLEM " con esso possiamo essere sicuri che il nostro caro sia assistito da personale in possesso di tutti quei requisiti necessari a farci dormire sonni tranquilli, dalle competenze specifiche tramite i nostri centri di preparazione professionale sia in Italia che nel paese d'origine, badando anche alle cose più elementari come ad esempio facendole seguire corsi di cucina italiana all'aspetto puramente gestionale del personale, infatti il personale da noi fornito dalla badante all'assistenza ad ore è assunto da Teleserenità per tutto il periodo richiesto.
La responsabile Ilaria Crispo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teleserenità: "L'anziano e la famiglia, come aiutarli"

BresciaToday è in caricamento