Benzinai: continua la protesta, in arrivo due giorni si sciopero

I gestori degli impianti autostradali contro il Governo Renzi

I benzinai calano il bis. Dopo lo sciopero del 3 marzo scorso, i proprietari delle pompe di benzina sono pronti a incrociare nuovamente le braccia per protestare contro le decisioni del Governo che, secondo loro, penalizzerebbero eccessivamente la categoria.

Il nuovo sciopero è stato proclamato per il 31 marzo e per il 1 aprile prossimi. A chiudere saranno le pompe di benzina in autostrada che aderiranno all’agitazione.

E' la seconda tornata di scioperi dei gestori aderenti a Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Anisa Confcommercio contro "il sistema ministeriale di protezione degli interessi dei concessionari autostradali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento