menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sabato via ai saldi invernali, ma i soldi rimasti nelle tasche sono pochi

In città e provincia sabato 5 gennaio inzia la corsa alle migliori occasioni dei saldi invernali, ma sia le associazioni dei commercianti che quelle dei consumatori prevedono un calo delle vendite

Sabato 5 gennaio al via a Brescia e in tutta la provincia la corsa ai saldi invernali, ma sia le associazioni dei dettaglianti, sia quelle dei consumatori, vedono gli italiani alla caccia dell'occasione con pochi soldi da spendere ancora nelle tasche.

Secondo Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media 359 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento ed accessori, per un valore complessivo di 5,6 miliardi, pari al 18% del fatturato di questi comparti.


- Saldi invernali: il decalogo contro le truffe

Per Federconsumatori e Adusbef, che prevedono un calo della spesa del 18,8% rispetto allo scorso anno, il budget familiare sarà ancora più risicato: 219 euro. Mentre il Condacons, secondo il quale il calo degli acquisti raggiungerà un -15%, la spesa media sarà di 224 euro a nucleo familiare.

Confcommercio calcola che saranno 15,8 milioni le famiglie italiane, su un totale di 25,5 milioni, che approfitteranno dei saldi. E, l'acquisto medio per persona, sarà di 150 euro: "I saldi - afferma il vice - rappresentano un appuntamento annuale irrinunciabile e, in questo periodo, speriamo possano rappresentare una chance per i negozianti del settore moda dopo una stagione come quella di quest'autunno/inverno partita col freno tirato".

“Alla luce dell'andamento dei consumi di Natale è evidente - sottolineano Federconsumatori e Adusbef - che la mancata decisione di anticipare i saldi è stata del tutto fallimentare".

Inoltre "le famiglie, dopo il Natale e le scadenze di fine anno, hanno esaurito il proprio budget a disposizione per le 'spese extra', quindi saranno pochissimi coloro che si apprestano ad approfittare dei saldi".

Le previsioni di Confcommercio dunque "sono troppo positive e purtroppo non avranno riscontro nella realtà: diminuisce infatti il numero delle famiglie che si dichiarano propense ad acquistare a saldo: saranno il 36%-37%, pari a 8,9 milioni di nuclei. Cala anche la spesa media, pari a 219 euro a famiglia, per complessivi 1,95 miliardi”.

"Le famiglie italiane non hanno più soldi - afferma il presidente Codacons Carlo Rienzi -. La partenza degli sconti invernali subito dopo le feste di Natale e di Capodanno rappresenta una scelta sbagliata perché i saldi iniziano quando i portafogli degli italiani sono già stati svuotati".

Sempre per il Codacons, la spesa media degli italiani sarà pari a 224 euro a famiglia e solo il 40% dei nuclei familiari potrà effettuare qualche acquisto durante gli sconti invernali. L'associazione ricorda che rispetto a 4 anni fa il budget delle famiglie per i saldi è diminuito del 50,2%.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia si avvicina alla zona arancione: c'è una data per sperare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento