La maxi-lottizzazione popolare si ferma a metà: mancano 18 appartamenti

Si è fermata a metà la lottizzazione del Piano di edilizia economica e popolare in località Cletem a Sabbio Chiese: la cooperativa incaricata dei lavori è in liquidazione

Diciotto appartamenti di edilizia popolare già realizzati e consegnati, e altri diciotto ancora da fare: è questo il punto sulla situazione del Piano di edilizia economica e popolare (noto anche come Peep) che a Sabbio Chiese, in località Cletem, era stato avviato addirittura 15 anni fa. Se ne parla dalla fine del 2013: come scrive Bresciaoggi, la costruzione degli alloggi era stata affidata a una cooperativa di Montichiari.

Tutto sembrava procedere, almeno fino al 2012 quando è la stessa cooperativa che chiede una modifica al Piano, sulla consegna del secondo lotto (i 18 appartamenti che ancora mancano). Dopo tanto indagare, e tanto discutere, negli ultimi giorni l'amara scoperta del sindaco Onorio Luscia: “Ci hanno spiegato che la cooperativa è in liquidazione, e quindi non può attuare i programmi edilizi”.

Un problema che sembrava risolto, e che invece è risolto solo a metà: i primi 18 alloggi sono stati realizzati e consegnati, gli altri 18 invece sono ancora tutti da fare. E la convenzione approvata anche in consiglio comunale scade tra meno di due anni, nel settembre del 2020: difficile se non impossibile che qualcosa si blocchi entro i termini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Peep altro non è che uno strumento attuativo dei piani urbanistici generali, con valore di piano particolareggiato, con lo scopo di reperire e acquisire le aree da destinare alla costruzione di alloggi appunto a carattere “economico e popolare”, unitamente alle opere e ai servizi complementari, urbani e sociali, comprese le aree a verde pubblico. E per come è andata a finire a Sabbio, non resta che un grande amaro in bocca: per una lottizzazione mancata, e che difficilmente vedrà mai la luce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

  • Coronavirus in provincia di Brescia: i contagi Comune per Comune

Torna su
BresciaToday è in caricamento