menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il picchetto degli operai fuori dalla fabbrica - Fonte: Facebook

Il picchetto degli operai fuori dalla fabbrica - Fonte: Facebook

Alumec: il destino di 109 operai appeso ad un sottilissimo filo

Ultimi giorni di trattative e contrattazioni per i 109 operai della Alumec di Rudiano: la nuova società (Alumec srl) tratta con i sindacati per l'acquisizione della 'vecchia' Alumec Spa, ormai fallita. Il 30 settembre il termine

Il tempo è scaduto, o quasi: manca infatti poco più di una settimana al fatidico 30 settembre, il termine ultimo per la firma di un accordo collettivo e che possa salvare i 109 lavoratori della Alumec di Rudiano, azienda che per 38 anni ha progettato e realizzato profilati in alluminio, fino al fallimento di circa tre anni, il cambio in corsa della società di gestione – da Alumec Spa ad Alumex srl – e ora le aspettative per quella ‘offerta non condizionata’ per l’acquisto delle mura, degli impianti e dei macchinari.

Ma la ‘newco’ interessata all’acquisto lo sarà soltanto se la maggioranza dei lavoratori firmeranno un accordo unitario, a cui però avrebbero formalmente aderito solo Uilm e Fismic – l’ultima sigla avrebbe accettato soltanto nelle ultime settimane, a seguito di alcune modifiche – mentre la Fiom per ora ne resta fuori, e si appella al rispetto della legge.

I metalmeccanici della Cgil chiedono che venga rispettato il procedimento del ‘trasferimento di azienda’, secondo cui – nel caso appunto di cessione dell’intera azienda o di un suo ramo autonomo – i relativi rapporti di lavoro devono essere trasferiti al datore di lavoro acquirente. Si tratta di una norma di garanzia del lavoratore che non può così essere licenziato per il semplice fatto che l’azienda per cui lavorava è stata ceduta.

Nel mezzo i mediatori della Provincia di Brescia, curatori fallimentari vecchi e nuovi, e l’ipotesi che l’Alumec srl (acquirente di Alumec Spa) possa davvero aprire le porte al ‘trasferimento d’azienda’, con miglioramenti nelle proposte contrattuali che la scorsa estate si erano guadagnati il diniego di due sindacati su tre.

Ancora la Fiom, in una nota riportata anche dal Giornale di Brescia: “L’accordo deve prevedere il mantenimento di tutta l’occupazione e delle condizioni collettive previste dalla contrattazione aziendale, sia di carattere salariale che normativo oggi applicate ai lavoratori”. Sono in 109 gli operai che ancora trattengono il fiato: in questi giorni si gioca la partita decisiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Sport

    Super-G junior: c'è un ragazzo bresciano sul tetto del mondo

  • social

    Le vere origini della Festa della Donna

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento