menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa immobiliare, arrestato Rossano Cochis: minacciati i familiari della vittima

Rossano Cochis, 69enne di Carpenedolo, è stato arrestato di nuovo. L'uomo, ex braccio destro dello storico criminale Renato Vallanzasca, è un noto malvivente condannato negli anni settanta per omicidio aggravato, sequestro di persona per estorsione, rapina aggravata ed evasione. Questa volta è finito in carcere per tentata estorsione. Gli altri complici, Gaetano Spera, 62 anni, e Simone Biancardi, 23, erano stati arrestati a febbraio, accusati dello stesso reato.

La vicenda - Secondo quanto rivelato da Giorgia Iafrate, dirigente del Commissariato milanese "Greco Turro", la vicenda inizia nel 2015. La vittima, un ragazzo siciliano di 26 anni che lavora nel settore della moda, si è rivolta alla polizia il 18 gennaio. Quel giorno - ha raccontato il giovane - doveva incontrare in un bar in viale Monza a Milano il responsabile dell'agenzia immobiliare, alla quale, tempo prima, aveva consegnato un assegno di 125 mila euro per bloccare un appartamento, sempre nel capoluogo lombardo, in via della Spiga. Dopo averci ripensato, il suo obiettivo era quello di rescindere il pre-contratto per l'acquisto della casa, da due milioni e mezzo di euro, e farsi restituire il denaro come stabiliva il contratto.

All'appuntamento, al posto dell'agente immobiliare - oggi denunciato - si presentano tre uomini, si fingono avvocati. Il loro atteggiamento è minaccioso e cercano di pressare il ragazzo perché vada avanti con l'acquisto della casa. Gli chiedono anzi 300 mila euro per aver annullato l'affare. Spiegano che la loro società ha saldato la sua posizione con l'agenzia immobiliare e che quindi sono loro i suoi nuovi interlocutori.

Per convincere il ragazzo, 'il pool di avvocati' minaccia anche la sua famiglia, in particolar modo la sorella studentessa della vittima. Dimostrano di conoscere le sue abitudini. Le minacce proseguono anche nei giorni successivi, con 'blitz' a sorpresa anche sotto casa del siciliano o con minacce telefoniche: "Se non ci porti almeno 75 mila euro, sarai tu la nostra garanzia", dicevano.

Le indagini partono immediate e il primo febbraio scatta la trappola, fingendo un incontro per la consegna dei soldi in una bar di via Dei Mercanti. All'incontro vengono fermati Spera e Biancardi. A indagini finite, il primo giugno, arriva l'ordinanza d'arresto anche contro Cochis. Gli agenti lo trovano lunedì nella sua abitazione di Baranzate, dove da sorvegliato speciale qual era doveva rientrare ogni sera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento