Sabato, 16 Ottobre 2021
Economia Roncadelle

Medtronic: fragili speranze per trecento pronti a essere licenziati

La proprietà degli stabilimenti di Roncadelle, Torbole Casaglia e Castelmella apre qualche spiraglio sul futuro dei 580 dipendenti, dei quali circa 300 sono a rischio taglio

Roncadelle. Alla Medtronic si è tornati a parlare del piano industriale dopo un incontro tra sindacati e dirigenza.

La proprietà, nonostante alcuni segnali positivi, resta ferma nell'intenzione di voler tagliare alcune centinaia posti di lavoro - circa 300 - su un totale di 580 (se si include gli stabilimenti di Torbole Casaglia e Castelmella), nonostante la recente richiesta di lavoro straordinario per rispondere alle richieste di mercato.
Gli esiti dell'incontro saranno al centro delle assemblee dei lavoratori programmate per venerdì 31 agosto.

La multinazionale ha ribadito che le coordinate del suo piano industriale non cambiano, ma sui tagli sembra ora essere meno irremovibile, lasciando intendere che il numero dei lavoratori in esubero possa subire una riduzione.

«Le parti – scrive in una nota l’azienda – si sono impegnate a definire e concordare gli ulteriori dettagli del piano di riorganizzazioni, comprese le modalità di utilizzo degli ammortizzatori sociali, il numero massimo degli esuberi e l’eventuale corresponsione di indennità d’esodo o di altri strumenti di supporto alla ricollocazione».

In attesa di nuovi sviluppi, azienda e sindacati hanno trovato un’intesa di massima per il lavoro straordinario dal 1° settembre e per 15 sabati.


(fonte: Cisl)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medtronic: fragili speranze per trecento pronti a essere licenziati

BresciaToday è in caricamento