menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riasseto Edison, Lega: «Rischio fallimento per A2A e i comuni soci»

La Lega sostiene, in una nota firmata dal deputato Fugatti (in un primo tempo si erano aggiunti anche Polledri e Giorgetti), che attualmente "il rischio di fallimento economico per A2A e per i Comuni di Brescia e Milano è reale"

La Lega Nord interviene nuovamente per dire la sua sul riassetto Edison: per il Carroccio, senza un sostegno forte del governo, l'esito delle trattative tra il colosso transalpino Edf e i soci italiani di Foro Buonaparte, di cui A2A è l'esponente principale, potrebbe condurre al "fallimento economico" della multiutility e dei suoi due principali azionisti, i Comuni di Milano e Brescia, che rischiano di non incassare nessuna cedola dalla partecipata.

"Ad oggi il rischio di fallimento economico per A2A e indirettamente per i Comuni di Brescia e Milano è reale" si legge in una nota firmata dal deputato del Carroccio Maurizio Fugatti. Il riassetto di Edison, viene sottolineato, "é una partita che non si può lasciare al Consiglio di Amministrazione ma che deve giocare il Governo che fino ad ora l'ha fatto tiepidamente".

"Siamo a rischio - spiegano i deputati - perché A2A negli accordi di marzo ha fatto una offerta di 1,50 /1,55 euro per azione, tenendo presente che erano state rilevate ad 1,9 si ha già un deficit che va espresso in bilancio. I francesi offriranno un piatto di lenticchie e probabilmente si parla di acquisizioni a 0,7 euro". Per la Lega "questo significa che A2A andrà in fallimento economico e quindi non ci sarà alcun dividendo per Milano e per Brescia che pensavano di far cassa subito, con la conseguenza che Brescia non sarà in grado di fare il bilancio del Comune".

A2A e i soci italiani di Edison stanno negoziando con Edf un'opzione di vendita sulla loro partecipazione del 30% in Edison. La richiesta di vendere la quota ai valori di carico di bilancio (1,5 euro ad azione) è già stata giudicata irricevibile da Edf. "Oggi il nostro Paese - conclude la nota - non può permettersi che il costo delle bollette dell'energia elettrica e del gas venga deciso a Parigi, quando nella pianura Padana si pagano le bollette più salate dell'intera Unione Europea".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento