Giovedì, 16 Settembre 2021
Economia Centro / Via Aleardo Aleardi

Una tradizione lunga 104 anni: riapre a Brescia la pasticceria Almici

La storica pasticceria di Brescia, chiusa nell’estate del 2014 , riaprirà i battenti entro il prossimo Natale. Ad ereditare il testimone da Franco Almici è il 28enne Bruno Andreoletti, che gestirà il negozio con la fidanzata Veronica

Il pasticcere Bruno Andreoletti

BRESCIA. La notizia è di quelle che fanno venire l’acquolina in bocca. Entro il prossimo Natale le grandi vetrine degli storici locali di via Aleardi torneranno ad essere colme dei pasticcini mignon e delle  praline di cioccolato inventate più di secolo fa da Paolo Almici, fondatore nel 1910 dell’omonima pasticceria, sita in piazza Rovetta prima che venisse distrutta dai bombardamenti del 3 marzo 1945.  

I taccuini con i segreti e le ricette dello storico pasticcere bresciano sono rimasti nelle sapienti mani del figlio Franco, che per quasi mezzo secolo ha portato avanti la tradizione di famiglia sfornando pasticcini, torte e panettoni nel laboratorio - negozio di via Aleardi con la moglie Luisa Chiodi. Nell’estate del 2014  le serrande della pasticceria si sono però improvvisamente abbassate. A causa di un brutto infortunio, Franco ha dovuto andare in pensione e l’assenza di un giovane parente a cui passare il testimone lo aveva obbligato a  scrivere - a malincuore- la parola fine ad un capitolo di storia dolciaria lungo più di un secolo. 

Poi il colpo di scena: ad ereditare il negozio di via Aleardi e i ricettari degli anni ’20 e ’30, meticolosamente custoditi da Franco, è un pasticcere di talento, che non ha nemmeno 30 anni. Si chiama Bruno Andreoletti e ha già un curriculum che fa gola a molti. Cresciuto nel laboratorio di Igino Massari, a soli 22 anni ha aperto una pasticceria nel suo paese d’origine - Offlaga - insieme a mamma Gloria e alla fidanzata Veronica. 

“Qualche mese fa ho incontrato casualmente Franco Almici - spiega Bruno - sapevo che aveva chiuso per problemi di salute e così mi sono offerto di rilevare il marchio e la licenza. Avevo intenzione di aprire un nuovo negozio in città e quella pasticceria è sempre stata un punto di riferimento. Franco è  un maestro ed incontrarlo è stato molto emozionante: è un uomo semplice e disponibile e ha la vista molto lunga. Siamo andati d’accordo fin da subito.”

Anche se a sfornare e a preparare i dolci sarà Bruno, mentre la fidanzata Veronica si occuperà del confezionamento, la pasticceria continuerà a chiamarsi Almici e proporrà le ricette storiche.  “Sarà un mix tra tradizione e innovazione sia nei prodotti offerti, che nell’arredamento - fa sapere Bruno-. Portare avanti una storia secolare è un bell'impegno e una grossa responsabilità, ma faremo il nostro meglio per soddisfare la vecchia clientela”.

Sugli scaffali accanto a pasticcini e praline troveranno spazio i cavalli di battaglia di Bruno: i dolci a lievitazione naturale che hanno fatto entrare la pasticceria Andreoletti di Offlaga nella lista delle migliori d’Italia stilata dal Gambero Rosso.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una tradizione lunga 104 anni: riapre a Brescia la pasticceria Almici

BresciaToday è in caricamento