Venerdì, 30 Luglio 2021
Economia

Creawelfare presentato a Parigi: la piattaforma bresciana all’Icto 2018

CreaWelfare, il Welfare aziendale territoriale made in Brescia presentato a Parigi Giovedì 23 marzo 2018 presso l’Università di Nanterre

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Ha pochi mesi di vita ed già è conosciuta a livello nazionale e a breve anche all’estero. E’ Creawelfare, la piattaforma di Welfare aziendale territoriale made in Brescia che giovedì 23 marzo sarà oggetto di discussione in occasione della esposizione della ricerca “Web platform and corporate welfare. An organizational inclusive solution” che verrà presentata alla conferenza internazionale ICTO2018, Information and Communication Technologies for an inclusive world di Parigi presso l’Università di Nanterre. A svilupparla, Garda Vita, l’associazione mutualistica senza scopo di lucro con sede in Montichiari nata nel 1999 grazie alla volontà di BCC del Garda.

La mutua oggi coinvolge 6.100 soci ed un bacino totale di fruitori di oltre 16.500 persone grazie l’organizzazione di campagne di prevenzione, tempo libero, formazione, cultura, rimborso delle spese mediche. Forte di una esperienza di oltre 18 anni, nel corso del 2017 ha sviluppato una piattaforma per la gestione del welfare aziendale: l’ idea è quella di ritagliare un abito su misura per ogni azienda, garantendo al contempo un vantaggio economico per il dipendente, per l’azienda e per il territorio di appartenenza. Il tutto ad un prezzo che, a parità dei servizi offerti, vuole essere inferiore alle principali piattaforme oggi sul mercato. 4 sono i focus del progetto: flessibilità, personalizzazione, facilità d’ uso e vicinanza al territorio. “Da tempo” riferisce l’Ing.

Piccinelli Nicola, vicepresidente di Garda Vita e responsabile del progetto, ”vediamo proposte generaliste con piattaforme standardizzate. Noi crediamo che ogni azienda debba avere il proprio piano studiato in funzione delle specificità dei suoi lavoratori e delle potenzialità del territorio circostante. E questo indipendentemente dagli importi da gestire e dal numero di dipendenti”.

Aspetto non di poco conto il fine sociale dell’iniziativa con gli eventuali benefici derivanti da tale attività che saranno investiti in campagne di prevenzione sanitaria. Un vero welfare inclusivo, forte di una di un servizio digitale, utile ad abbattere i costi di gestione amministrativa per liberare risorse e rendere il servizio più vicino all’ azienda che vive in questi primi anni l’introduzione del welfare più come obbligo che come opportunità. “Come associazione sono quasi 20 anni che ci occupiamo di welfare per i nostri associati e le loro famiglie. Grazie alle aperture normative offerte dalle leggi di stabilità degli ultimi 3 anni abbiamo deciso di offrire le nostre prestazioni alle aziende del nostro territorio. Già oggi siamo in grado di offrire oltre 80 primari Brand nazionali, 1300 strutture sanitarie a livello nazionale ed oltre 200 convenzioni che mettiamo a disposizione delle aziende.

Ma il nostro obiettivo si focalizza nella rete sul territorio, nel creare una forte sinergia tra le varie realtà coinvolte nel progetto”. I servizi proposti spaziano dalla prevenzione sanitaria (oncologica, cardiologica, posturale, dermatologica, alimentare, ecc..) all’assistenza domiciliare per le persone anziane, fino ad arrivare ai buoni spendibili presso esercenti quali cinema, supermercati, benzinai, palestre e altri ancora, o direttamente presso negozi online, strizzando così l’occhio alla popolazione più “informatizzata”.

La proposta non si limita alle sole aziende: la piattaforma può essere utilizzata da Studi commercialisti, consulenti del lavoro, e anche dalle Associazioni di Categoria per fornire ai propri clienti e associati un servizio locale di elevata qualità. L’accesso alla piattaforma può essere creato anche direttamente dal portale dell’ emittente, personalizzandone l’ ambiente interno con colori, loghi, scritte, immagini e caratteri del portale da cui si accede. La peculiarità dell’idea che vede una centralizzazione di un servizio abbinato a una estrema personalizzazione locale ha dunque sollevato la curiosità di illustri docenti Universitari che hanno elaborato questo paper di ricerca intitolato “Web platform and corporate welfare.

An organizational inclusive solution”. Grazie all’ appoggio del Comipa, il consorzio delle Mutue del Credito Cooperativo, oggi la piattaforma è già diffusa a carattere nazionale dove l’ interesse da parte di associazioni di categoria si è già mostrata molto forte. “Per noi è motivo di soddisfazione, ci sprona a proseguire in questa direzione per essere sempre più vicini al nostro territorio ed alle persone che ci vivono. Ci auguriamo di aprire un dialogo con le Associazioni di categoria bresciane, così come già avviene in altre parti di Italia, per proporre questo servizio alle aziende del territorio, per poterle affiancare in questo percorso ancora nuovo ed inesplorato”. Per info: Stefano Mondoni Garda Vita associazione mutualistica Via Trieste 62 Montichiari 030/9654318 – stefano.mondoni@gardavita.it www.gardavita.it - info@gardavita.it www.creawelfare.it - info@creawelfare.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Creawelfare presentato a Parigi: la piattaforma bresciana all’Icto 2018

BresciaToday è in caricamento