Morto a 87 anni il "dottore" dell'industria agricola bresciana

Venerdì pomeriggio i funerali di Sergio Tiraboschi, imprenditore di 87 di Orzinuovi morto nella sua abitazione, circondato dalla famiglia. E' stato il fondatore dell'Industria Mangimi Brescia, attiva dal 1956

I silos dell'Industria Mangimi Brescia. In basso a destra, Sergio Tiraboschi

Il noto imprenditore bresciano Sergio Tiraboschi è morto a 87 anni nella sua casa di Orzinuovi, dopo una vita lunga e intensa, dagli anni del boom a quelli delle crisi. E' stato il fondatore dell'Industria Mangimi Brescia, azienda che dal 1956 produce alimenti zootecnici. Ora guidata dai figli Cristian e Luca: l'attività ha ancora sede nei locali dell'ex filanda di Orzinuovi, dove una volta si lavoravano le foglie del tabacco e i bozzoli dei bachi da seta.

Sergio Tiraboschi si è spento nella sua abitazione, proprio accanto alla fabbrica. Lo conoscevano tutti in paese, nella Bassa Bresciana, in provincia: fin da quando era giovane, uno dei pochi laureati di una terra all'epoca ancora agricola. Inevitabile chiamarlo 'dottore'. E dall'agricoltura, e per l'agricoltura, nasce la sua industria, ormai attiva sul territorio da quasi 60 anni.

Sergio TiraboschiI funerali si svolgeranno venerdì pomeriggio: il corteo funebre partirà proprio dall'ex filanda – alle 14.30 – per poi raggiungere la chiesa parrocchiale del paese. Tiraboschi lascia la moglie Enrica, i figli Gloria, Luca e Cristian, e con loro i nipoti, gli amici e i parenti tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento