Economia

L'azienda non si vende, operai in allarme: 140 a rischio licenziamento

L'ennesimo bando andato deserto per la vendita della Stefana di Nave, stabilimento che occupa circa 140 addetti. Operai a rischio licenziamento: per i sindacati "qualcuno non vuole che si venda"

Foto d’archivio

Qualcosa comunque è andato storto, riferiscono i sindacati e in particolare la Fiom Cgil. “Non possiamo accettare i licenziamenti – ha detto il segretario Francesco Bertoli – e chiederemo un nuovo confronto con le istituzioni”.

“Tuttavia siamo convinti – continua Bertoli – che ci sia qualcuno che voglia impedire la cessione del sito produttivo, qualcuno che non vuole che il laminatoio possa ripartire. Liberando così una fetta di mercato”.

L'ultimo bando era stato pubblicato il 14 febbraio scorso: base d'asta, come detto, 10 milioni di euro. Purtroppo nessuna offerta: si ricomincia da capo. E il cielo si fa davvero grigio: per i 140 operai della Stefana le coperture sono saltate, anche la cassa integrazione in deroga si è conclusa il 28 febbraio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'azienda non si vende, operai in allarme: 140 a rischio licenziamento

BresciaToday è in caricamento