Economia

Naturamica di Lorenzini, abbinare qualità ed ecosostenibilità in agricoltura è possibile

Secondo l'assessore regionale Gianni Fava, la Lombardia è la seconda regione europea per l’agroalimentare, grazie in particolare agli investimenti sul fronte della sicurezza e della qualità dei prodotti, ma anche per la crescente attenzione alle tematiche ambientali e alle questioni dell'ecosostenibilità. E dalla Lombardia orientale, e per la precisione dall'azienda agricola Lorenzini Naturamica di Sermide, arriva un nuovo esempio di successo in regione.

Gli obiettivi per l'agricoltura lombarda

In una recente intervista, l'assessore regionale all'agricoltura invita a non trascurare due aspetti importanti legati all'alimentazione e alla produzione agroalimentare: se ormai è quasi scontata l'attenzione verso la food security, intesa come sicurezza nelle quantità prodotte, per Fava l'obiettivo cui tende è anche la "food safety, che riguarda la salubrità dei prodotti".

La Lombardia Orientale guida la qualità

L'esponente della giunta Maroni sostiene con orgoglio che la regione "è in grado di rispondere a entrambi i requisiti e va anche oltre, potendo contare mediamente su una qualità che risponde a definizioni complesse, ma che nel caso dell’agroalimentare lombardo mi verrebbe da dire che sono interamente soddisfatte: gusto, originalità, tradizione, tipicità, storicità e distintività". Qualità che hanno portato i prodotti locali al centro della scena internazionale, al punto che la nostra zona della Lombardia Orientale è stata indicata come Regione capitale europea della Gastronomia per il 2017.

Vivaio - distesa di futuri frutti-2

I dati sull'agricoltura in regione

E gli ultimi dati di bilancio dell’agricoltura lombarda sembrano confermare questo ottimismo: come rivelato da una recente ricerca della Coldiretti, l'agroalimentare regionale genera quasi 14 miliardi di euro ogni anno, con eccellenze che vanno dal vino ai formaggi ma che, negli ultimi tempi, si stanno estendendo a tutti i settori, compreso il biologico che negli ultimi 6 anni ha fatto registrare un incremento del 38% passando da 16mila ettari del 2010 a oltre 22mila del 2016. Importante anche l'aumento delle aziende attive nel settore nel suo complesso, che a inizio 2017 sono quasi 47 mila, con 61 mila addetti: il primato territoriale va alla provincia di Brescia, in cui sono attive circa 10 mila imprese, mentre al secondo posto si posiziona Mantova con 8 mila, a riprova della forza della zona orientale della Lombardia.

Naturamica Lorenzini, esempio di successo

E proprio da Mantova arriva un esempio di successo di come sia possibile coniugare attenzione per l'ambiente e qualità delle produzioni: la Naturamica di Lorenzini infatti ha dato vita a una serie di importanti trasformazioni a livello aziendale e di coltivazione, assicurando ai consumatori una gamma di alimenti di ortofrutta di primissima scelta e alti valori di gusto. Dall'apertura dell'azienda a Sermide nel 1984 a oggi, il gruppo si è costantemente evoluto, senza però mai cambiare l'obiettivo principale, ovvero la qualità del prodotto.

La storia "green" dell'azienda agricola Lorenzini Naturamica

Già in origine i Lorenzini sperimentarono tecniche di coltivazione biologica integrata, utilizzando letame bovino per la coltivazione e un misto di zolfo, rame e coccinelle per il controllo dei parassiti. Oggi, dopo oltre trenta anni, la azienda agricola Lorenzini Naturamica continua a differenziarsi per innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale, anche se (viste le dimensioni raggiunte) non è più al 100% biologica: i fitofarmaci, comunque, sono impiegati in dosi minime solo dove c’è l’eventuale focolaio di infezione.

I progetti ecosostenibili della Lorenzini Naturamica

Grande attenzione anche all'ecosostenibilità, come dicevamo: la sede principale della Lorenzini Naturamica a Sermide infatti è dotata di speciali serre adibite alla coltivazione dei meloni, riscaldate attraverso combustile proveniente da biomassa (cippato), nell'ambito di un più ampio programma di efficientamento energetico avviato già dal 2014. Grazie a questo sistema si riducono le emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera.

I prodotti di qualità della Naturamica Lorenzini

Questa strategia trova un altro importante tassello nell'impianto fotovoltaico installato presso i magazzini della Lorenzini Naturamica, che consentono anche di climatizzare nel periodo estivo i magazzini in cui sono stipati i prodotti, garantendo anche una tenuta ottimale dello stesso nonostante la calura.

Per quanto riguarda le varietà proposte sul mercato, il punto di forza dell'azienda Naturamica di Lorenzini è senza dubbio il melone, certificato e tracciabile, a cui si aggiungono i pomodori datterini (coltivati anche in uno stabilimento in terra siciliana, a Pachino), un’altra tipicità locale mantovana come la zucca delica e le fragranti e gustose zucchine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Naturamica di Lorenzini, abbinare qualità ed ecosostenibilità in agricoltura è possibile

BresciaToday è in caricamento