Tutti pazzi per il fast-food: 300 domande per un posto di lavoro al McDonald's

Trecento i curriculum arrivati in azienda, 80 i primi selezionati: entro la prossima settimana i risultati. La nota catena assume 30 persone per il nuovo locale di Ghedi

Boom di richieste per l'apertura del nuovo McDonald's di Ghedi: più di trecento domande per trenta posti di lavoro. Sono arrivati da tutta la provincia, e anche oltre: la prima selezione si è completata in rete, con la consegna telematica dei curriculum. La seconda invece è proseguita dal vivo, nella sala consiliare del municipio di Ghedi messa a disposizione dal sindaco Lorenzo Borzi.

La selezione

Erano più di 80 i selezionati alla seconda fase, e che appunto hanno affrontato i colloqui veri e propri. Entro una settimana sapranno del loro destino. La catena di fast-food ha intenzione di aprire un nuovo locale a Ghedi, con una trentina di nuove assunzioni e di tutte le categorie, dalla cucina al management, full-time e part-time.

In tanti hanno risposto alla domanda, segno evidente di una crisi che non finisce: anche a Brescia e provincia, dove comunque il tasso di disoccupazione è tra i più bassi in Italia, quasi a livelli tedeschi, la fame di lavoro non manca mai.

In sala consiliare, nella speranza di essere assunti da McDonald's, la varietà dei presenti era antropologicamente incredibile. Dal laureato al disoccupato, giovane e meno giovane. Ragazzi appena usciti dalla scuole superiori, in cerca della prima occupazione per pagarsi gli studi. Oppure qualcuno che gli studi ha deciso di mollarli, e tuffarsi esclusivamente nel mondo del lavoro.

La mappa di chi cerca lavoro

Dalla Romania una laureata che però in Italia ha fatto solo l'operaia, e ora spera di ricominciare. Ma pure una ragazza del Sud laureata in Scienze biotecnologiche, disposta a scendere a patti anche con il McDonald's pur di trovare un lavoro. 

E ancora studenti universitari che vogliono provare a mantenersi gli studi. O la ragazza che vuole studiare Scienze della comunicazione ma sa di non poterselo permettere, e quindi cerca un lavoro. Tante storie, alcune belle e altre più tristi. Storie di giovani che non si arrendono, che si rimboccano le maniche. Pieni di speranze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento