Domenica, 24 Ottobre 2021
Economia Centro

Il Consiglio di Stato conferma la maxi multa per A2A

A2A e Asmea dovranno versare una quota pari a 140 milioni di euro, nel mirino anche Eni (260 milioni). Il Garante della Concorrenza e del Mercato ritiene "pratica commerciale scorretta" la campagna pubblicitaria relativa al 'prezzo fisso e bloccato' e alla 'tariffa bioraria'

Il Consiglio di Stato dell’Antitrust ha confermato le maxi multe milionarie alle varie multi utility del settore energetico accusate di aver effettuato e reiterato “pratiche commerciali scorrette”. Il Garante della Concorrenza e del Mercato contesta infatti la promozione dei servizi attraverso campagne pubblicitarie ingannevoli, con offerte di energia elettrica e gas a prezzo fisso, bloccato o ‘certo’ e con offerte di promozioni a ‘energia bioraria’. A2A e Asmea dovranno pagare 140milioni di euro, Eni 260milioni, Asm Energia e Ambiente 110milioni, E.On Energia 100milioni.

Secondo le accuse del Garante, l’offerta pubblicizzata avrebbe indicato il blocco reale del prezzo di vendita dell’energia e del prezzo di vendita del gas, mentre in realtà sarebbe stata solo una delle due componenti a mantenere stabile il costo al consumo. Anche per quanto riguarda l’energia bioraria l’effettiva diminuzione del prezzo sarebbe stata invece segnalata in modo anomale, senza le specifiche richieste e concretamente utili al consumatore finale, ad esempio le consuete fasce ‘serali’, ‘notturne’ o ‘festive’.

A2A e Asmea avevano provato il ricorso al Tar del Lazio, prontamente respinto a causa dell’evidente “carenza informativa in cui si è trovato il consumatore”. La società è dunque rea di “non aver configurato in termini più chiari il messaggio pubblicitario”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Consiglio di Stato conferma la maxi multa per A2A

BresciaToday è in caricamento