Giù il sipario sull’azienda del mistero: 2,5 milioni di euro per immobile e materiali

L'ultimo atto (economicamente parlando) della Fonderia Bozzoli di Marcheno: sono stati venduti all'asta, per 2 milioni e mezzo di euro, sia i materiali rimasti che l'immobile di Via 2 Giugno

Carabinieri alla Fonderia Bozzoli © Bresciatoday.it

Epilogo amaro anche per tutti gli operai della fabbrica, circa una ventina, prima in cassa integrazione e poi inevitabilmente licenziati, ancora oggi in attesa di risposte sul loro futuro. Sono passati due anni esatti da quell'ottobre, da quando tutto è cominciato. Un mistero mai risolto, e allo stesso tempo per l'azienda una discesa inarrestabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimangono tanti, forse troppi interrogativi. Tanti nodi da sciogliere e ipotesi da chiarire: non va dimenticato infatti l'alone di mistero che circonda la morte dell'operaio Giuseppe Ghirardini, trovato senza vita ai piedi delle Case di Viso in Valcamonica e a quanto sembra addirittura avvelenato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Addio a mamma Susanna, caporeparto: il supermercato ha chiuso per lutto

  • Brescia sprofonda di nuovo nell’incubo: 315 nuovi casi e 57 morti in 24 ore

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 5 aprile 2020

  • Coronavirus, cresce la mobilità in Lombardia: "Si spostano decine di migliaia di persone"

Torna su
BresciaToday è in caricamento