Azienda verso la chiusura dopo quasi 40 anni: 30 lavoratori a rischio

La comunicazione della società: l'azienda chiude perché non rende. Sindacati sul piede di guerra: sono almeno una trentina i lavoratori a rischio. Acque agitate alla Piombifera Italiana di Maclodio

Sciopero a singhiozzo finché l'azienda non si deciderà a trattare. Questo quanto annunciato dai sindacati a seguito della comunicazione – col rischio che sia irrevocabile – della volontà del gruppo Fiamm di portare a chiusura lo stabilimento della Piombifera Italiana di Maclodio. Il motivo? Un lavoro che da tempo sarebbe in perdita.

Acquisita dalla Fiamm – Fabbrica Italiana Accumulatori Motocarri Montecchio, la sede in provincia di Vicenza – nel 2012, ad oggi il sito produttivo bresciano occupa ancora una trentina di dipendenti. Operai che, stando a quanto comunicato dall'azienda, potrebbero presto rimanere senza lavoro.

Il prossimo passaggio: l'apertura di una procedura di mobilità per tutti gli occupati. Meno di 24 ore fa l'incontro tra azienda e sindacati: la rappresentanza dei lavoratori ha chiesto alla società di valutare “soluzioni alternative” alla cessazione dell'attività, purtroppo ormai annunciata.

La Piombifera Italiana Spa, con sede a Maclodio, è specializzata nello smaltimento, nel riciclaggio e nella produzione di piombo. L'azienda bresciana è stata fondata nel 1978.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento