Economia

Un aiuto concreto alla nostra Agricoltura, 11,5 milioni per aziende di montagna

L'Assessore all'Agricoltura della Regione Lombardia Giulio De Capitani ha proposto ed approvato il Bando 2012 della Misura 211 del Programma di Sviluppo Rurale (Psr), I dettagli del Bando saranno pubblicati sul Burl a partire da venerdì 17 febbraio

E' stato approvato nei giorni scorsi il Bando 2012 della Misura 211 del Programma di Sviluppo Rurale. Il documento riconosce l'indennità compensativa agli agricoltori di montagna, ovvero un contributo concreto al funzionamento delle imprese Agricole di Montagna.

Con questi fondi l’obiettivo di Regione Lombardia è di e sostenere l’attività degli agricoltori delle zone montane, mediante l’erogazione di specifiche indennità con cui compensare gli agricoltori dei costi aggiuntivi e della perdita di reddito derivanti dagli svantaggi che ostacolano la produzione agricola in montagna. Tali aiuti mirano a contrastare l’abbandono delle superfici agricole di montagna, in particolare di quelle pascolive e foraggere.

I benefici sono plurimi dal punto di vista ambientale, contro il dissesto idrogeologico, ma anche economico e agricolo; in quanto consentono di mantenere e anche rinnovare le tradizioni di alcuni prodotti tipici come i formaggi d’alpe, i vini di collina e montagna, nonché la carne di allevamento per trarne altri prodotti rinomati.

La dotazione finanziaria disponibile è di 11.500.000 €. La ricezione delle domande sarà aperta dal 1 marzo fino al 15 maggio, gli agricoltori, presso i Centri di Assistenza Agricola (Caa) dove  gli allevatori e i viticoltori lombardi che operano in montagna potranno farne richiesta e ottenere il contributo per loro attività.

"Questo è un vero e proprio contributo all'attività produttiva di montagna - ha commentato l'assessore regionale all'Agricoltura Giulio De Capitani -, funzionale a compensare gli agricoltori dei costi aggiuntivi che derivano dalle condizioni di svantaggio in cui operano e istituito per scongiurare il rischio di abbandono delle nostre montagne".


"Molti dei nostri straordinari paesaggi alpini e prealpini - ha proseguito l'assessore - devono la loro bellezza e la loro sicurezza proprio al lavoro di questi appassionati imprenditori agricoli, che svolgono un ruolo insostituibile a presidio del territorio e dell'identità culturale delle nostre montagne: beni di cui beneficia tutta la collettività".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un aiuto concreto alla nostra Agricoltura, 11,5 milioni per aziende di montagna

BresciaToday è in caricamento