Arrivano i tedeschi e 26 operai rimangono a casa senza alcun preavviso

La vicenda di 26 lavoratori della Remong di Rezzato, lasciati a casa, dalla sera alla mattina, dopo la vendita dell'azienda alla concorrenza: la multinazionale Wegmann. La vecchia proprietà gli aveva assicurato che non ci sarebbero stati tagli al personale

Il presidio degli operai davanti alla Remog - copyright © Bresciatoday.it

REZZATO. Traditi e beffati. Si sentono così i 26 dipendenti della Remog, azienda che opera nel settore dell'automotive. Da più di un mese 'vivono' fuori dai cancelli della fabbrica, per rivendicare i propri diritti, ma anche per evitare che lo stabilimento venga completamente svuotato. 

Crisi senza fine:
chiude il reparto, 14 operai presto senza lavoro

A fine luglio l'azienda è stata ceduta al colosso tedesco Wegmann, una multinazionale concorrente. Una decisione che gli operai non si spiegano: "Le cose andavano bene, la produzione funzionava a pieno regime, tanto che facevamo spesso gli straordinari - racconta Nerina, che lavora alla Remog da quanto è stata fondata, nel 1989 - la ditta era sana, tanto che si parlava dell'acquisto di un nuovo capannone". 

Il vecchio proprietario, Angelo Patuzzo, prima di congedarsi e lasciare la ditta nelle mani dei tedeschi, aveva rassicurato i suoi lavoratori. "Ci ha stretto la mano ad uno ad uno e ci ha detto di non preoccuparci  - spiega Gimnpaolo -perché la produzione qui sarebbe continuata e non ci sarebbero stati tagli al personale."

"Siamo una grande famiglia, ci vediamo a settembre" si sarebbero sentiti dire i lavoratori. Promesse non mantenute. Due giorni prima del rientro dalle ferie si sono visti recapitare una lettera di licenziamento: " E' Come se ci fosse piombata una tegola sulla testa - racconta Simona - . Entro 75 giorni da quella lettera sarebbero scattati i licenziamenti, senza alcun ammortizzatore. Poi abbiamo scoperto che a ferragosto si erano portati via alcuni macchinari." 

I lavoratori non si sono arresi e con il sindacato Fim Cisl hanno organizzato un presidio permanente fuori dai cancelli della ditta. "Siamo consapevoli che la Wegmann non vuole tornare sui suoi passi ed è decisa a trasferire la produzione in Germania - spiega Nerina - ma non ce ne andremo di qua finchè non firmeremo un accordo sugli ammortizzatori sociali: chiediamo almeno un anno di cassa integrazione".

La tensione è salita la scorsa settimana. In piena notte sono arrivati 12 camion per trasportare il resto dei macchinari in Germania. Operazione non riuscita, perché in men che non si dica tutti i 26 ex dipendenti si sono precipitati alla Remog, impedendo ai camion di entrare. La protesta non si smorza: " Finchè non ci garantiscono gli ammortizzatori sociali da qui non ce ne andiamo - esclamano in coro - e continueremo ad impedire qualsiasi trasferimento di materiale."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento