Economia

Brescia: tra febbraio e maggio 2013 persi 6.000 posti di lavoro

Il dato, proiettato sull'intera annata, equivale a una perdita di 16 posti lavoro giornalieri

E' drammatico il quadro dell'economia bresciana che viene dipinto dai dati del Sistema Informativo Excelsior, che tra il 28 gennaio e il 23 maggio ha effettuato un monitoraggio capillare sull'imprese dei servizi e dell'industria privata.

In provincia, i licenziamenti o i mancati rinnovi di contratto sono stati in tutto 19.350, mentre i  nuovi assunti si sono fermati a quota 13.450: un saldo negativo di poco inferiore alle 6.000 unità. Proiettato sull'intero 2013, significa una perdita di 16 posti di lavoro al giorno.

Un suicidio al giorno tra i disoccupati:
Lombardia maglia nera della disperazione

A livello nazionale, invece, sono invece 750 mila le assunzioni complessive previste dalle imprese, che non riusciranno a compensare il quasi milione di uscite, tra pensionamenti, licenziamenti e cessazioni.

Nonostante la crisi "con una riduzione del Pil prevista intorno al 2%" per quest'anno i dati Excelsior "dimostrano come le aziende stiano cercando di mantenere mano d'opera" visto che la riduzione occupazionale registrata "equivale più o meno a un calo dell'1%", ha commentato il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini.

Il ministro ha aggiunto come ci siano aziende "che stanno crescendo, come quelle orientate all'export". Ottimismo fuori luogo?

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia: tra febbraio e maggio 2013 persi 6.000 posti di lavoro

BresciaToday è in caricamento