menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sirmione, la Rocca Scaligera: e se fosse una prima casa..

Sirmione, la Rocca Scaligera: e se fosse una prima casa..

Un lago.. di IMU! Sul Garda un «affaire» da cento milioni di euro

Da Limone a Valvestino, da Desenzano a Lonato: i versamenti e i contribuenti, la prima casa e gli altri immobili. Sirmione da record per la sua aliquota, tra le più basse in assoluto: "Le entrate sono altre"

Tempo di fare i conti in tasca anche ai Comuni gardesani, la questione è quella dell’IMU, proprio quel balzello che tutti in Parlamento hanno votato e che ora tutti dicono di voler eliminare, ridurre, cambiare, rimodulare. Un’entrata complessiva che ha fruttato (solo per la prima casa) più di quattro miliardi di euro sul complessivo italiano, sfiorando invece i venti miliardi se poi ci riferiamo alle entrate relative agli altri immobili. Sui Comuni coperti invece da Garda Uno, e quindi anche Pozzolengo e Carpenedolo, Valvestino e Roè Volciano, i versamenti sulla prima casa non arrivano ai nove milioni, quelli sugli altri immobili si fermano a due passi dai 75 milioni, con un totale di contribuenti sulla prima casa pari a 38.863 unità e un versamento media di circa 224 euro.

Partendo da questo ultimo dato la classifica è subito fatta: Limone sul Garda stacca tutti con 445 euro (373 contribuenti per 166mila euro), davanti a Desenzano che di contribuenti ne registra più di 10mila (media ad personam di 336 euro) ma la cui incidenza complessiva (la percentuale della prima casa rispetto agli altri immobili) supera di poco il 20%, e dagli altri immobili derivano infatti ben 16milioni e 839mila euro. Questione di popolazione, chiaro. A Salò allora sono più che dimezzati i contribuenti (3596) ma ‘tiene botta’ l’entrata dalla voce ‘altri immobili’, più di sette milioni, così come in quel di Toscolano che a fronte di una bassa entrata sulla prima casa (meno di 600mila euro) si registrano invece oltre cinque milioni per la seconda opzione.

Tabella IMU
Lago di Garda

Una costante dei Comuni più vicini alla Riviera, da Gardone che Riviera ce l’ha pure nel toponimo ufficiale, a Moniga e Manerba, quasi due milioni il primo, quasi il quattro il secondo, a fronte di 802 e 1777 contribuenti di prima casa. Capitolo a parte per i ‘piccoli’ verso nord, Valvestino e Magasa, che con 23 contribuenti in due valgono meno di un condominio di città: ancor più Valvestino che se si porta ‘a casa’ circa 77mila euro sugli altri immobili dell’IMU più contestato non arriva neanche al centinaio. Di euro, s’intende.

La tabella in allegato è sicuramente più chiara di un lungo discorso tra numeri e numeri, riferimenti e percentuali. Da segnalare l’eccezione Sirmione, dove la prima casa incide allo 0,60 sul complesso IMU: 272 contribuenti per poco più di 51mila euro, e invece oltre 8,5 milioni su tutto quello che resta. Una scelta anticipata ormai più di un anno fa dal sindaco Alessandro Mattinzoli, anche sul nostro giornale: “In un momento in cui a tutti viene chiesto di fare sacrifici i Comuni che hanno un bilancio come il nostro devono fare uno sforzo per mandare un messaggio ai cittadini, sia a livello pratico che a livello psicologico”.

Il bilancio di previsione 2013 infatti, presentato lo scorso 7 febbraio, racconta di un complessivo d’entrate superiore agli 11 milioni di euro: più di tre milioni arrivano solo dalla “gestione dei parcheggi pubblici”, almeno un milione dall’ICA sulle affissioni, e poi gli extra degli oneri di urbanizzazione, i contributi regionali, i canoni demaniali, l’affitto degli immobili comunali. Un esempio 'virtuoso' ma che resta un caso limite: coi tempi che corrono, l’IMU è già diventata un’entrata indispensabile per i Comuni indebitati.

  Tabella: Fonte dati Ministero delle Finanze da deleghe versamento F24
Elaborazione a cura di Cesare Giovanardi - il Corriere del Garda
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento