Istat: difficoltà d'occupazione per chi ha problemi di salute

Secondo l'istituto di statistica, le cattive condizioni fisiche rappresentano un forte ostacolo per l'inserimento nel mercato del lavoro per più di 2 milioni e mezzo di italiani

In Italia 2 milioni 549 mila persone con problemi di salute lamentano limitazioni sul lavoro proprio a causa delle loro cattive condizioni fisiche.

Un suicidio al giorno tra i disoccupati:
Lombardia maglia nera della disperazione

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' quanto certifica l'Istat, che conta, nel secondo trimestre del 2011, 6 milioni 556 mila persone tra i 15 e i 64 anni (16,5% della popolazione di questa fascia di età) affette da una o più malattie croniche o da problemi di salute di lunga durata o, ancora, da difficoltà funzionali.

Insomma, una salute precaria rappresenta un ostacolo per l'inserimento nel mercato del lavoro. Basti pensare che oltre il 50% di chi soffre di più di un problema di salute o di difficoltà funzionali è professionalmente inattivo, ovvero fuori dal mercato: senza occupazione e fermo nell'attività di ricerca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 29 marzo 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

Torna su
BresciaToday è in caricamento