Economia

Sicurezza sul lavoro: nel 2012 in Lombardia infortuni scesi del 7,8%

Ma resta la prima regione italiana per incidenti nel settore edile

In Lombardia, nel 2012 sono stati denunciati complessivamente 117.102 infortuni (-7,8% rispetto al 2011), con il settore delle costruzioni che ha registrato 9.037 episodi (pari ad un -21,2%).

Un dato che la colloca al primo posto nella classifica nazionale delle Regioni con il maggior numero di infortuni nel settore edile, e a seguire l'Emilia
Romagna con 6.680 denunce e al terzo il Veneto con 5.721. E' quanto emerge dai dati elaborati da Ambiente Lavoro, il Salone dedicato alla sicurezza e alla salute nei luoghi di lavoro (Fiera di Bologna, 16-18 ottobre), a partire dalla Banca dati Statistica Inail.

Per quanto riguarda le malattie professionali, nel 2012, in Regione sono 3.035 i casi segnalati in tutti i settori (-3,7% rispetto al 2011), mentre, in edilizia, sono state 538 le denunce per patologie legate al lavoro con un +7,6%: la Lombardia è al quinto posto per numero di malattie denunciate
nell'ambito costruzioni, preceduta da Toscana (855), Emilia Romagna (672), Abruzzo (625) e Sardegna (619).

Prendendo in considerazione la sola provincia di Milano, gli infortuni denunciati all'Inail sono stati complessivamente 38.025 nel 2012 (-5,1% rispetto all'anno precedente) divisi tra agricoltura (243), industria e servizi (36.482) e dipendenti conto stato (1.300). In particolare, l'edilizia registra 2.696
denunce (con un -19,7% rispetto al 2011) il che colloca Milano al primo posto della classifica delle province con il maggior numero di infortuni nel settore edile.


Nell'ordine: Milano (2.969), Bergamo (1.217), Brescia (1.193), Varese (852), Monza e Brianza (620), Como (599), Mantova (392), Pavia (382), Cremona (316), Sondrio (300), Lecco (287) e Lodi (183).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sul lavoro: nel 2012 in Lombardia infortuni scesi del 7,8%

BresciaToday è in caricamento