Economia

A marzo il carrello della spesa segna un più 620 euro su base annua

Con l'ennesimo aumento dell'inflazione, a marzo il carrello della spesa - per una famiglia di 3 persone - segna un più 620 euro su base annua, parì a un aumento del 4,6% rispetto al 2011. Una nuova stangata che si aggiunge al continuo aumento delle tasse

Secondo le stime preliminari dell'Istat, a marzo il rincaro annuo del cosiddetto carrello della spesa, cioè dei prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza, è del 4,6%, un valore che risulta il più alto dall'ottobre del 2008.  

Tradotto in termini di costo della vita significa che una famiglia di 3 persone spenderà, per andare al mercato a fare la spesa di tutti i giorni, 620 euro in più su base annua, mentre per una famiglia di 4 persone la stangata sarà di 671 euro all'anno.

E' evidente che questi soldi non sono attualmente in possesso delle famiglie italiane, specie considerando che vanno ad aggiungersi a tutte le nuove tasse e balzelli che le manovre del 2011 hanno introdotto.


La recessione che ci attende nel 2012, quindi, non nasce più, come accaduto nel 2008, solamente dall'economia internazionale ma, oltre che dall'effetto recessivo della inevitabile riduzione della spesa pubblica, dal crollo dei consumi, fenomeno che si può in parte contrastare, certamente non aumento l'Iva a ottobre, come intende fare il governo Monti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A marzo il carrello della spesa segna un più 620 euro su base annua

BresciaToday è in caricamento