Venerdì, 6 Agosto 2021
Economia

Brescia peggio di Napoli: per un negoziante su 3 niente scontrino

Oltre 5000 controlli della Guardia di Finanza e almeno 1500 gli esercizi irregolari, che non emettono fattura o scontrino: un danno erariale da mezzo miliardo di euro. A questi si aggiungono altri 550 milioni da frode fiscale

La crisi, la crisi. Uguale per tutti? Niente affatto. E lo confermano i dati ‘snocciolati’ dalla Guardia di Finanza di Brescia, una sorta di bilancio annuale che ripercorre il lavoro e gli interventi delle Fiamme Gialle, in terra bresciana. C'è chi la crisi la paga per forza, e chi invece (a quanto pare) fa solo finta.

Tra negozianti, commercianti, baristi e quant’altro sono stati controllati quasi 5000 esercizi: di questi, circa 1500 risultavano fuori norma. In soldoni, non rilasciavano alcuna ricevuta, men che meno lo scontrino fiscale: una media comune alle botteghe d’Italia, uno su tre. Come a Napoli.

Ricavi non dichiarati che tutti insieme, più o meno, fanno circa mezzo miliardo di euro. A cui si aggiungono altri 550 milioni di fatture false, e altre frodi fiscali. Non male, per il Paese che spesso sa solo lamentarsi, ma che a conti fatti paga un ritardo storico sulla quota di lavoro dipendente, con tutte le conseguenze del caso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia peggio di Napoli: per un negoziante su 3 niente scontrino

BresciaToday è in caricamento