Crisi senza fine, il Freccia Rossa sprofonda: chiusi altri sei negozi

Serrande abbassate in questi giorni per altri sei negozi del Freccia Rossa, tra cui Carpisa, Erbolario e Yamamay. In un anno e mezzo chiusi quasi 40 locali

Erano quasi un centinaio nei giorni del massimo splendore, ora sono forse meno della metà: continua la crisi irreversibile per il centro commerciale Freccia Rossa di Brescia. Lo scrive Bresciaoggi: dopo alcune chiusure clamorose, come gli store a marchio Zara o H&M, in questi giorni hanno chiuso altri sei negozi eccellenti, tra cui Carpisa, Erbolario e Yamamay. Nell'ultimo anno e mezzo sono quasi 40 i locali che hanno abbassato le serrande.

La società Freccia Rossa Shopping Centre srl, con sede a Milano, già in autunno aveva depositato la domanda per il concordato preventivo. Sono questi i giorni decisivi per conoscere il futuro della struttura. Anche i sindacati, in rappresentanza dei lavoratori dei negozi che sono ancora aperti, hanno chiesto e ottenuto un incontro con la proprietà, programmato a quanto sembra già per mercoledì.

Un declino lento e inesorabile

Sono passati 10 anni e 10 mesi dalla grande apertura del Freccia Rossa: era il 21 aprile del 2008. Un maxi-investimento da quasi 150 milioni di euro, per rilanciare una zona da sempre considerata critica, vicino alla stazione e incrocio di periferie. Il primo (e costoso) passo per la città di domani.

Un passo falso, purtroppo: perché al mercato non si comanda. Si stimavano più di 8 milioni di visitatori all'anno, come detto nei giorni della gloria erano un centinaio i negozi aperti. Due anni e mezzo fa è poi arrivato Elnòs Shopping, il nuovo maxi-centro commerciale di Roncadelle realizzato dal gruppo Ikea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una mazzata, una stangata: forse il colpo di grazia definitivo. E a poco aiutano le nuove inaugurazioni in città, supermercati e centri commerciali. I conti del Freccia Rossa raccontano la situazione: perdite vicino ai 25 milioni di euro, patrimonio netto con segno meno per oltre 24 milioni, i debiti con gli istituti bancari che sfiorano gli 80 milioni. Profondo rosso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Forti temporali nella notte, allerta meteo anche tra oggi e domani

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento