menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendemmia a rischio: proposta la creazione di voucher da 2.500 euro per i lavoratori

Tra i tanti settori in difficoltà per l'emergenza in corso, a breve potrebbe esserci l'agricoltura, senza lavoratori stagionali per la raccolta di frutta e verdura.

Asparagi, fragole, meloni, e poi angurie, pere, e da fine agosto l'uva della vendemmia: ogni anno sono migliaia i lavoratori stagionali impiegati nella nostra provincia nella raccolta di frutta e verdura, e con l'emergenza in corso - e la difficoltà nel reperire personale - la stagione ormai alle porte potrebbe rivelarsi drammatica. A lanciare un nuovo grido d'allarme è questa volta la Cia, Confederazione italiana agricoltori (per l'area Est Lombardia), per voce di Danilo De Lellis, responsabile dell'Ufficio lavoro. 

Le dichiarazioni di De Lellis sono riportate da Bresciaoggi: «Il tempo stringe, visto che già a fine maggio scatterà la raccolta dei meloni, seguita da angurie in estate e pere a settembre. Grande è la preoccupazione per la raccolta dell'uva, al via tra settembre e ottobre, vista la necessità di reperire centinaia di persone». 

Per correre ai ripari, la Cia ha proposto di attivare un voucher da 2.500, simile al bonus per le baby sitter, che le aziende possano erogare in favore dei lavoratori occasionali impegnati in questo momento delicato. Il primo pensiero va ai dipendenti delle attività commerciali o turistiche chiuse, o senza clienti, che potrebbero avere un'entrata integrativa per far fronte alle difficoltà.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ghedi: morto l'imprenditore agricolo Giovanni Chiappini, ucciso da un infarto

  • Incidenti stradali

    Auto 'vola' in un campo e si ribalta in un fossato: paura per una donna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento