Il Folzone trasloca: nuovo ristorante con dehor estivo e camere da letto

Il Folzone di Lonato — Copyright © Bresciatoday.it

LONATO. La Trattoria “Al Folzone” ha scritto pagine di storia lonatese al ritmo di fiaschi di vino, bolliti, mostarde, tortelli e tante altre leccornie della cucina padana. Il primo documento ufficiale che ne certifica l’esistenza risale a inizio ‘700, quando il nome dell’allora taverna viene citato nel resoconto di un processo per aggressione. Intorno alle sue mura si sono accampate le truppe garibaldine, di fronte alle sue finestre passava l’antico lastricato della Via Regia, strada di carovane, carrettieri e viandanti. Ora sembra venuto il momento di dirsi addio, ma, per fortuna, sarà solamente un arrivederci. 

E’ ormai nota da settimane, infatti, la decisione del titolare Stefano Molinari di chiudere il ristorante, famoso in tutto il Nord Italia soprattutto per il suo carrello dei bolliti, piatto prelibato anche per decine di camionisti che, ogni giorno, fanno appositamente tappa al casello A4 di Desenzano. E’ stata una scelta sofferta, quella di Molinari: “Sono subentrato alla precedente gestione nel 1994, col tempo il Folzone è diventato come un figlio - ci racconta -. Purtroppo non è stato possibile trovare un accordo economico con la proprietà dell’immobile sul nuovo contratto d'affitto. Nessuna polemica, ma alla fine andarsene è stato inevitabile.”

Ma il Folzone non chiude, si trasferisce, e la nuova location profuma anch’essa di storia. Si tratta infatti della vecchia Osteria del Trivellino, che ha chiuso i battenti ormai da 40 anni: si trova sempre a Lonato, nell’omonima località lungo la strada che porta a Montichiari.

Molinari assicura che non cambierà nulla: il menù sarà lo stesso e, in un primo momento, verrà mantenuto anche il nome “Folzone”, per non perdere un marchio ormai noto a centinaia di affezionati clienti. Il nuovo locale aprirà entro la fine di maggio: avrà tavoli all’aperto per il periodo estivo e camere per soggiornare la notte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molinari fa parte di una famiglia di ristoratori, una tradizione che dura ormai da più di 50 anni (è figlio d’arte, viene dalla Locanda Avanguardia di Solferino). Dunque, una cosa è certa: quella del Trivellino sarà l’inizio di un’altra avventura di successo. Anche perché, oltre alle specialità prese da un antico ricettario di fine ‘800 (tuttora presente, seppure un po’ macchiato di sugo), lo spirito del locale sarà sempre lo stesso, ed è già pronto un grande parcheggio per camion e tir che, adesso, potranno puntare tortelli e cotechini anche uscendo a Brescia Est, non solo a Desenzano. Non è sempre vero, dunque, che la storia non si ripete. Fra un secolo o forse più, forse qualcuno scriverà del delizioso cartello dei bolliti dell’antica Osteria del Trivellino: "Tutto ebbe inizio nel lontano 2018...".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Forti temporali nella notte, allerta meteo anche tra oggi e domani

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento