Accusati di sabotaggio, licenziati 11 lavoratori: sciopero in azienda

Hanno già cominciato a scioperare i lavoratori del magazzino logistico Penny Market di Desenzano: ne sono stati licenziati 11, accusati di sabotaggio

Sciopero ai magazzini Penny Market di Desenzano

Undici lavoratori del magazzino logistico del Penny Market di Desenzano del Garda, in Via Oglio, sono stati licenziati dall'azienda Servizi Associati, che appunto gestisce il magazzino, perché accusati di sabotaggio: oltre all'allontanamento forzato dal posto di lavoro, saranno anche denunciati (il sabotaggio è un reato, articolo 508 del Codice penale).

Le motivazioni dell'azienda

A spiegare le motivazioni della scelta è proprio la Servizi Associati in una nota: “Dopo lunghe indagini – si legge – la Servizi Associati è riuscita a individuare i responsabili che da tempo compivano atti di sabotaggio della produzione. Tutto questo è stato possibile grazie ad una elaborata attività di accertamento che ha dato corpo ai sospetti. La delicatezza della situazione, la tutela degli altri lavoratori (chiamati a farsi carico delle volontarie inadempienze) e delle esigenze produttive ci ha spinto, seppur con rammarico, ad adottare provvedimenti di interruzione dei rapporti di lavoro a cui seguiranno iniziative di carattere giudiziario”.

La protesta dei lavoratori

La protesta non si è fatta attendere: già nella notte tra lunedì e martedì, a poche ore dalla diffusione ufficiale della notizia, alcuni lavoratori del polo logistico, supportati dal sindacato Si Cobas e dai militanti del Collettivo Gardesano autonomo, hanno incrociato le braccia e dunque messo in scena la prima mobilitazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I facchini sono in picchetto per chiedere il reintegro di 11 colleghi licenziati – si legge in una nota del Cga – I lavoratori parlano di comportamenti arroganti e intimidatori nei loro confronti, oltre che ritmi di lavoro che portano nel giro di pochi anni a gravi problemi di salute alla schiena”. La situazione in mattinata sembrava già rientrata, ma il capitolo non è chiuso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Un bimbo si sente male, al grest di paese un sospetto caso di coronavirus

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

Torna su
BresciaToday è in caricamento