Coronavirus, il pressing degli industriali del Nord: "Dobbiamo riaprire subito"

Un documento firmato dagli industriali di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, chiede al Governo di non prolungare il lockdown: duro attacco della Fiom

Foto di repertorio

Gli industriali pressano, il Governo prende tempo, i sindacati sul piede di guerra: è questo il quadro aggiornato della situazione economica a poche ore dal “manifesto” presentato dalle associazioni degli industriali di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Nei fatti si tratta di una vera e propria “agenda” firmata dalle varie Confindustria regionali, in cui si chiede di allentare la morsa del lockdown già da martedì prossimo (come in effetti prevede l’ultimo Decreto: ma è chiaro che si lavora ad un’estensione del blocco, tra le ipotesi è trapelata la data del 4 maggio).

Confindustria chiede di riaprire subito

“Se le principali regioni del Nord – si legge nel documento firmato dagli industriali – che rappresentano il 45% del Pil italiano non riusciranno a ripartire nel breve periodo, il Paese rischia di spegnere definitivamente il proprio motore e ogni giorno che passa rappresenta un rischio in più di non riuscire a rimetterlo in marcia”.

“Prolungare il lockdown – continuano da Confindustria – significa continuare a non produrre, perdere clienti e relazioni internazionali e non fatturare, con l’effetto che molte imprese finiranno per non essere in grado di pagare gli stipendi del prossimo mese”. La richiesta è chiara: organizzare una “roadmap” per una riapertura “ordinata e in piena sicurezza” del “cuore economico” del Paese.

Il Governo, come detto, prende tempo: ma è atteso forse per sabato, alla vigilia di Pasqua, il nuovo e aggiornato decreto. Per quanto tempo verrà prorogato il lockdown? Quante e quali imprese potranno riaprire? Quali saranno gli standard di sicurezza richiesti? Domande per ora senza risposta. Ma a fronte della richiesta degli industriali, i sindacati insorgono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le dure critiche dei sindacati

“Le pressioni di Confindustria sono cieche – scrive AdnKronos riportando le parole della leader della Fiom Francesca Re David – Deve essere la comunità scientifica a dirci quando sarà il momento di riaprire: più dura l’epidemia e più a lungo l’economia non si riprenderà. Pensare di rimettere in moto le fabbriche senza le necessarie misure per tutelare la salute e la sicurezza sul territorio oltre che nei luoghi di lavoro, significa mettere davanti il profitto. Le regioni del Nord – conclude Re David – sono propri i territori in cui il disastro sanitario sta impattando di più, anche perché non sono state fatte le chiusure delle imprese nell’immediato”. Scriveva Karl Marx, ormai più di un secolo e mezzo fa: il capitale spesso non ha riguardo per la vita e la salute degli operai.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento