menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Dai negozi ai ristoranti, a rischio 18mila imprese e 54mila posti di lavoro

L'allarme lanciato da Confcommercio a margine dell'ultimo studio di Format Research: solo nel Bresciano circa 18mila piccole imprese potrebbero chiudere

Circa il 40% delle imprese del terziario bresciano sarebbe a rischio chiusura a causa degli effetti del secondo lockdown, anche se al momento è ancora “light”: in tutto 18mila aziende per un totale di 54mila posti di lavoro. E' questo quanto emerge dal nuovo studio di Confcommercio Brescia, realizzato da Format Research: si tratta, nello specifico, di un'indagine sull'andamento economico delle imprese bresciane del commercio, del turismo e dei servizi.

E' aggiornato al 30 ottobre, quindi ancora prima degli effetti empirici della nuova Zona Rossa lombarda: dopo un trimestre di “faticosa ripresa”, con i consumi che lentamente si stavano avvicinando al pre-Covid (dal -50% della primavera al -5% di settembre) sulle aziende del commercio aleggia “lo spettro di una ulteriore crisi prima del Natale”. Una festività che, ricordiamo, vale circa il 30% dei fatturati dell'intero anno.

Effetti "pesanti" o "devastanti" per 8 imprese su 10

Sul totale delle 61mila imprese del terziario, il 39,1% ritiene che il nuovo lockdown potrebbe avere “effetti devastanti, superiori a quelli della recente pandemia con l'impresa che rischierebbe di chiudere”; il 41,4% si ferma agli “effetti pesanti: come quelli della recente pandemia, ma comunque l'impresa riuscirebbe a sopravvivere”; il 19,5% si divide tra “nessun effetto” ed “effetti minimi”, dunque inferiori a quelli del primo (e lungo) lockdown di marzo, aprile e maggio.

Le aziende bresciane a rischio chiusura

In tutto sono circa 48mila – pari a quasi l'80% del totale – le imprese bresciane che subiranno effetti “pesanti” o “devastanti” causa Covid. Dalle analisi di Confcommercio, tra quelli che potrebbero chiudere alla fine del secondo lockdown, sarebbero questi i settori più a rischio: il 61% delle imprese di ristorazione, il 51% del turismo, 43% trasporti e logistica, 37% servizi alla persona, 35% commercio (no food), 26% servizi alle imprese e 25% commercio alimentare. “Lo Stato deve fare non solo il possibile, ma anche l'impossibile per salvare le nostre imprese”, dice il presidente di Confcommercio Brescia Carlo Massoletti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento