Confagricoltura: accordi con il sistema bancario per il mancato anticipo PAC

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

"Nei giorni scorsi avevamo presentato all'assessore Fava una nostra proposta per consentire alla Regione di erogare, come avviene da diversi anni, un anticipo dei premi PAC agli agricoltori lombardi. Siamo sorpresi e dispiaciuti che questa nostra proposta, formulata nell'interesse di tutti gli imprenditori agricoli che operano nella nostra Regione, sia diventata occasione di una polemica e di un rimpallo di responsabilità tra lo stesso assessore Fava e l'onorevole Carra" afferma Matteo Lasagna, presidente di Confagricoltura Lombardia.

"Non è nostra intenzione alimentare ulteriormente questa polemica, utile solo a sottolineare la distanza che separa la politica dal mondo delle imprese. Le aziende agricole sono in sofferenza sul lato della liquidità e l'anticipo regionale della PAC, erogato a partire dal 2010, era diventato un punto ferma nella loro gestione finanziaria che quest'anno verrà a mancare, creando gravi difficoltà a molte di esse" prosegue Matteo Lasagna.

"Non avendo trovato una soluzione tramite le istituzioni, ci siamo già attivati con tutti i principali istituti bancari, con i quali abbiamo già quantificato, a dispetto della politica, il potenziale valore dei titoli, al fine di consentire l'erogazione da parte del sistema creditizio di finanziamenti alle aziende che possano sostituire il mancato anticipo della PAC. Già da lunedì sarà disponibile presso le nostre sedi territoriali un elenco di istituti ai quali i nostri soci potranno rivolgersi".

"Certamente non la soluzione ideale, ma una risposta concreta e necessaria alle esigenze delle aziende agricole in questo momento di difficoltà" conclude il presidente di Confagricoltura Lombardia.

Torna su
BresciaToday è in caricamento