Economia

Brebemi: pochi viaggiatori, ma crescono i compensi agli amministratori

Tra 2013 e 2015 i compensi percepiti dai tredici amministratori della società che gestisce l’autostrada privata sono aumentati del 20%.

Da 398.063 a 626.320. No, non sono i dati dei transiti di veicoli dalla strada, bensì i compensi lordi percepiti dagli amministratori. Stiamo parlando dell’autostrada “privata” Brebemi, inaugurata il 23 luglio del 2014 alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Secondo quanto riportato nel bilancio ufficiale della società, nonostante i dati di utilizzo siano ancora al di sotto delle aspettative, i membri del Consiglio di amministrazione della A35 avrebbero visto i loro compensi aumentare di molto tra 2013 e 2015. 

Oltre al presidente Francesco Bettoni, l’organo direttivo della società è composto dall’amministratore delegato Claudio Vezzosi, dai quattro membri del comitato esecutivo e dai sette consiglieri d’amministrazione. L’aumento complessivo dei compensi lordi si attesta sul 20%, mentre i conti sono in rosso per 68.9 milioni (erano 35.4 nel 2014), e i ricavi dalla gestione 40.7 milioni (11.7 nel 2014). 

In tutto questo la media dei transiti effettivi giornalieri dall’inizio alla fine della A35 è ancora al di sotto delle attese, e si attesta a 23.375 veicoli al giorno. Per consentire alla società le “necessarie condizioni di equilibrio economico e finanziario”, ad agosto del 2015 il Cipe ha elargito un contributo pubblico di 300 milioni di euro erogabili in quindici tranche annuali, da 20 milioni ciascuna, dal 2017 al 2031. Oltre a questi, anche Regione Lombardia ha contribuito con 60 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brebemi: pochi viaggiatori, ma crescono i compensi agli amministratori
BresciaToday è in caricamento