Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia Borgo San Giacomo

Un giro d’affari da 520 milioni di euro per la Bcc di Borgo San Giacomo

Approvato dall’assemblea dei soci il bilancio 2017 della Cassa Rurale e Artigiana di Borgo San Giacomo: nel corso dell’anno la raccolta di denaro ha superato i 520 milioni di euro

Un bilancio in salute, quello della Cassa Rurale e Artigiana di Borgo San Giacomo approvato nell’ultima assemblea dei soci, che sono più di 1600 in tutta la provincia (e oltre): il gruppo bancario ha chiuso il 2017 con utili in aumento di quasi il 18%, a quota 3,8 milioni di euro contro i 3,2 milioni dell’esercizio precedente. Aumenta anche la raccolta complessiva di denaro: già oltre il mezzo miliardo, nel 2017 ha raggiunto quota 520 milioni di euro.

Di questi tempi sono numeri che fanno bene, anche in vista dell’ormai imminente “fusione” nel gruppo bancario cooperativo della Cassa Centrale Banca di Trento, così come prevede la riforma governativa sulle banche popolari e “sociali”.

Una storia che continua: la banca di credito cooperativa di Borgo San Giacomo è stata fondata nel lontano 1901, ad oggi conta una dozzina di sportelli distribuiti quasi esclusivamente nella Bassa Bresciana. Altri dati sul bilancio appena approvato: gli impieghi alla clientela valgono ancora 250 milioni di euro, bene anche la “partita” sui crediti deteriorati, che fa della Cassa Rurale e Artigiana bresciana una delle più virtuose a livello nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un giro d’affari da 520 milioni di euro per la Bcc di Borgo San Giacomo

BresciaToday è in caricamento