Business contro la crisi: le zampe di gallina arrivano fino in Vietnam

Un fatturato da 12 milioni di euro per la CoBu di Borgo San Giacomo: dalla tradizione bresciana la (ri)scoperta di una 'primizia' dimenticata, da cucinare con il brodo o in padella

C’è un’azienda di Borgo San Giacomo che ha imparato bene a far fruttare l’esperienza delle tradizioni. Un passato lontano per i bresciani, un presente vivo per centinaia di milioni di persone: è la tratta delle zampe di gallina, in dialetto note come ‘raspe’, che da noi spesso sono mangiar per cani e che invece in Paesi lontani sono ancora una primizia.

Lo hanno scoperto alla CoBu (Commercio Budella), nel cuore della Bassa Bresciana: e in pochi anni ne han fatto un vero business, da centinaia e centina di container ogni anno, inviati in Cina e in Vietnam, in Giamaica e in Nigeria.

Paesi magari emergenti e magari no, ma che del gusto tradizionale ancora non ne vogliono fare a meno. Magari bollite nel brodo, magari proprio sgranocchiate dopo una ‘battuta’ in padella.

Un fatturato da oltre 10 milioni di euro e che non manca di una prospettiva di crescita. E tra i proprietari, con un sorriso, c’è già chi parla di un nuovo monopolio: perché quello che un tempo era solo uno scarto, da far mangiare agli animali da fattoria, ora è una (ri)scoperta nuova, in un mondo che cambia a velocità mai viste prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Fine settimana in Franciacorta per Belen Rodriguez e Stefano De Martino

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Auto sbatte contro il guard rail e si ribalta: morto un bambino, ferite due ragazzine

  • Triumplina 43: la maxi-piazza commerciale con negozi, supermercato e ristoranti

Torna su
BresciaToday è in caricamento